Il lavoro nel 2017: i profili più richiesti dal mercato

Eleonora Gitto

Il lavoro nel 2017: i profili più richiesti dal mercato.

Purtroppo la disoccupazione giovanile in Italia continua a salire, e si è portata ai massimi storici dal 2015, cioè al 40,1%.

Colpa soprattutto dell’aumento dei processi di automazione, che sottraggono lavoro agli uomini.

Le aziende tendono a risparmiare sui costi, ovviamente: le macchine, l’informatica, il digitale, alla fine costano di meno delle risorse umane.

Certo, il fenomeno non è risolvibile così, in due parole, e a volte risente di variabili più complesse; tuttavia il nocciolo del problema è questo.

Intanto, un’indagine svolta da Manpower ci racconta che i settori che andranno meglio nel 2017, con relative auspicabili assunzioni, saranno: quello turistico-alberghiero, con l’8% in più; poi quello di agricoltura, caccia, selvicoltura, pesca, con il 5% in più; quindi il commercio all’ingrosso e al dettaglio, col 4% in più.

L’attività manifatturiera non registra aumenti né perdite.

Poi cominciano i dati negativi, col settore finanziario, assicurativo e immobiliare che registra un meno 1%; quindi le costruzioni con un meno 3%; poi elettricità e acqua con un meno 4%; ancora, il settore pubblico e del sociale con meno 6%; idem per trasporti e comunicazioni; per giungere a un meno 15% nel settore minerario ed estrattivo.

Next Post

Onde gravitazionali, rivelatori 3.0 per carpirne i segreti

Arrivano i rivelatori 3.0 per osservare meglio le onde gravitazionali. Risale a quasi un anno fa l’annuncio che, sotto il profilo scientifico ma non solo, aveva del sensazionale. Per la prima volta erano state rivelate le onde gravitazionali, predette da Albert Einstein nella sua teoria della relatività. Le onde gravitazionali […]
Onde gravitazionali, rivelatori 3.0 per carpirne i segreti