Il relitto scomparso 100 anni fa nel triangolo delle bermuda, ritrovato
Il relitto scomparso 100 anni fa nel triangolo delle bermuda ritrovato

La nave scomparsa 100 anni fa nel Triangolo delle Bermuda trovata al largo della costa della Florida.

I ricercatori ritengono di aver trovato il relitto del SS Cotopaxi, scomparso nel Triangolo delle Bermuda nel 1925.

Il relitto di una nave che trasportava carbone, comparsa nel Triangolo delle Bermuda quasi 100 anni fa mentre si recava a Cuba, si nascondeva in bella vista, dicono i ricercatori.

Il piroscafo mercantile americano SS Cotopaxi è stato a lungo oggetto di molte teorie e bufale della cospirazione dopo essere apparentemente svanito senza lasciare traccia durante un “viaggio di routine” nel 1925.

La scomparsa ha contribuito ad alimentare la leggenda del Triangolo, una famosa sezione del Nord Atlantico occidentale dove apparentemente numerose navi e aerei sono svaniti in modo bizzarro.

Il destino del Cotopaxi, che lasciò Charleston, nella Carolina del Sud, il 29 novembre 1925, diretto a L’Avana, e le 32 persone a bordo hanno sconcertato gli esperti, ma ora sembra che la risposta sia lì da anni.

Il biologo marino ed esploratore subacqueo Michael Barnette, parlando a Newsweek , ha dichiarato: “Sappiamo che in quel viaggio è successo qualcosa perché avevano inviato un messaggio da maggio all’inizio di dicembre confermando di essere in difficoltà“.

E poi è stato così. Non hanno mai trovato alcun relitto. Non hanno mai trovato scialuppe di salvataggio, corpi o altro. La nave è semplicemente scomparsa da quel momento. Quindi abbiamo cercato di determinare cosa sia realmente accaduto.

La nave fu notoriamente “scoperta” nel deserto del Gobi nel classico film di Steven Spielberg del 1977 Incontri ravvicinati del terzo tipo, essendo stata presumibilmente messa lì dagli alieni.

Mentre i rapporti del 2015 affermavano che era riapparsa vicino a una zona militare ristretta al largo della costa di Cuba, anche se questo è stato respinto come una bufala.

Cotopaxi (Scena tratta da: Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo)

Ma quasi un secolo dopo il suo ultimo avvistamento confermato, Barnette e il suo team affermano di aver localizzato il vero relitto 35 miglia al largo della costa di Saint Augustine, sulla costa nord-orientale della Florida.

Barnette è prolifico nella scoperta di relitti di navi perdute e ha detto che tutta la storia lo ha sempre affascinato, “la storia marittima è la mia vera passione“.

Mi piace uscire e cercare di identificare i relitti perché ognuno ha una storia affascinante. Sono solo un ragazzo molto curioso”, ha aggiunto.

Mentre scavava negli archivi di Lloyd’s di Londra, il ricercatore aveva scoperto documenti che provavano che il Cotopaxi aveva inviato un segnale di soccorso il 1 ° dicembre 1925, qualcosa che gli storici non avevano mai saputo prima.

Molte volte, è più importante dedicare tempo alla ricerca negli archivi di quanto non sia invece sull’acqua, perché è allora che farai le scoperte“, ha detto Barnette.

I segnali furono raccolti a Jackonsville, in Florida, il che significa che la nave doveva averli inviati vicino al famoso ‘Bear Wreck’ al largo della costa di Sant’Agostino, un porto fiorente in epoca coloniale – che è disseminato di naufragi.

Diver Al Perkins esplora quel relitto da 30 anni e raccoglie vari oggetti mentre procede nell’eplorazione, inclusa una valvola prodotta da una società con sede a pochi chilometri da Ecorse, nel Michigan, dove fu costruito il Cotopaxi.

Ha dato la valvola a Barnette durante la sua indagine, che ha quindi effettuato immersioni in movimento per raccogliere misurazioni del relitto trovato per confrontarle con i piani originali Cotopaxi.

Ha scoperto così che si trattava di una corrispondenza prima che fossero trovati documenti presso gli Archivi nazionali di New York in relazione a un caso legale che le famiglie dell’equipaggio scomparso avevano esposto contro la compagnia di navigazione Clinchfield, sostenendo che la nave era inaffidabile.

Come parte della sua testimonianza, il presidente della compagnia specificò le ultime coordinate conosciute il 30 novembre 1925, che Barnette tracciava ponendo la nave condannata a 22 miglia a nord del Relitto ritrovato in quell’ultima data.

Mentre, secondo i dati meteorologici , una grande tempesta ha colpito la costa della Florida il 1 ° dicembre, il che avrebbe potuto essere la causa che avrebbe portato all’affondamento della nave e spiegherebbe anche il segnale di soccorso, se fosse rimasto sulla rotta del giorno precedente.

Barnette ha detto: “Ci avviciniamo a tutti questi naufragi come in un caso di omicidio. Sai, che hai il corpo lì. Cerchi di ottenere qualsiasi informazione tu possa. Ci sono un sacco di strumenti che usiamo per cercare di identificare questi relitti “.

Molte volte è estremamente emozionante perché prima di tutto sei entusiasta che la tua teoria sia corretta. C’è anche una sorta di montagne russe emotive, perché ti rendi conto, ‘aspetta un secondo, questo è un sito che segna il punto di sosta finale dei membri dell’equipaggio che è andato a picco con la nave. ‘ Quindi c’è la responsabilità di cercare di raggiungere le famiglie in modo che possiamo aiutare a rispondere per sempre alle loro domande “, ha detto.

Io e altri subacquei, esperti di ritrovamenti in tutto il mondo, quando identifichiamo questi relitti, a volte stiamo scrivendo l’ultimo capitolo della storia o a volte stiamo riscrivendo la storia“, ha detto. “Ciò che la gente presume sia effettivamente accaduto a volte non è vero.

Loading...
Potrebbero interessarti

Van Gogh, finalmente risolto il mistero dell’orecchio mozzato

Sino al 27 marzo 2017 al Palazzo degli Esami è in corso…

Samantha Cristoforetti e il suo messaggio ad Aysha

Samantha Cristoforetti non smette mai di stupirci: questa volta la nostra coraggiosa…