Il tasto Like entra negli alberghi, l’idea di Marriott

Marriott introduce il tasto Like nella propria catena di alberghi.

Ormai i like si sprecano dappertutto, in particolare su internet e su determinati social come Facebook.

Normalmente un like è anche un simbolo di vicinanza, di amicizia, oltre a un vero e proprio gradimento per quel che si dice o quel che si fa.

Prova ne sia che il pulsante “like” è utilizzato miliardi di volte in un giorno, e tutti quanti siamo felici e contenti di essere apprezzati.

Ma ora anche gli alberghi stanno pensando a introdurlo; anzi, per la precisione la più grande catena alberghiera al mondo, Marriott.

Così si può dire mi piace a un servizio di ristorazione, a una camera d’albergo, a un determinato servizio esterno.

La sperimentazione la stanno facendo in un hotel di Charlotte, nel North Carolina, una realtà in cui sovente si fanno test innovativi che riguardano il rapporto con i clienti.

I pulsanti hanno la grandezza di un disco da Hockey, ci riferiscono. Anche se in Italia a hockey non ci gioca nessuno.

Questi like sono dislocati nei punti più strategici, di modo che la direzione dell’albergo sappia in tempo reale il grado di gradimento dei clienti, e magari riesca a capire altrettanto velocemente quali sono quei servizi che invece non vanno per la maggiore.

One thought on “Il tasto Like entra negli alberghi, l’idea di Marriott

Comments are closed.

Next Post

Spotify, attenti al bug che consuma l'hard disk

Ascoltare musica con Spotify mette a rischio l’hard disk del nostro PC: un bug riesce a caricare più di 100 gigabyte di dati sul disco. Mentre si ascolta musica utilizzando la piattaforma Spotify, un programma entra in funzione e scrive in modo incontrollato una marea di dati sull’hard disk sovraccaricandolo […]
Spotify, attenti al bug che consuma l'hard disk