Inquinamento: Italia primato europeo per morti premature
Inquinamento Italia primato europeo per morti premature

L’ultimo record italiano raggiunto a livello europeo non è affatto positivo: il nostro paese registra il maggior numero di morti premature causate dall’inquinamento dell’intero continente; solo nel 2012 i morti che tale nemico invisibile ha provocato sono stati 84mila, mentre in Europa ne sono stati 491mila.

Il maggior colpevole è il danno provocato dalle polveri ultra sottili presenti nell’aria, che hanno causato 59.500 decessi in un solo anno, al secondo posto c’è invece l’ ozono (3.300 decessi) e al terzo il diossido di azoto (21.600). L’ Ue ha fissato un livello limite di concentrazione media annua di 25 microgrammi per metro cubo d’aria, ma città come Brescia, Monza, Milano e Torino lo hanno grandemente superato; le aree più colpite da questo tipo di problema si confermano quelle della Pianura Padana e delle zone circostanti costantemente esposte alle emissioni dei fumi industriali.

Anche Roma, Firenze, Napoli, Bologna e Cagliari non stanno messe bene in quanto a micro polveri, poiché superano la soglia annua di 10 microgrammi per metro cubo d’aria consigliata dall’Oms. I dati alquanto sconcertanti sono stati rilevati dall’Agenzia europea dell’Ambiente (Aea) nel “Rapporto sulla qualita’ dell’aria” pubblicato secondo le statistiche del 2012 e del 2013.

Loading...
Potrebbero interessarti

Beppe Grillo, nuovo leader sarà scelto dalla Rete

Dopo il boom dei primi mesi del suo debutto sulla scena politica,…

Genova, ennesimo suicidio provocato da povertà e disperazione

Si parla tanto di cifre, di tassi di disoccupazione, redditi medi e…