Irina Shayk, da russa impossibile essere lesbica

Si è messa a nudo, in tutti i sensi: nuda mostrando il suo splendido corpo che l’ha resa una delle donne più belle e desiderate al mondo, ma anche aprendosi in una lunga intervista in cui ha risposto a domande anche molto intime e personali.

Irina Shayk è la protagonista del numero di settembre di GQ Italia: la top model russa è ritratta in esclusiva per il magazine dal fotografo Mario Sorrenti, che l’ha immortalata nella stessa posa in cui fotografò Kate Moss nel 1993.

Ultra glamour e sexy, si stenta a credere a quello che confessa durante l’intervista: Irina voleva essere nientemeno che un maschio.

«Sono nata e cresciuta in un piccolo paese, – dice – e non pensavo neanche di essere particolarmente carina. A 14 anni avrei dato non so cosa per essere un ragazzo: pensavo di essere orribile e di non piacere a nessuno».

Eppure quando le si chiede se potrebbe mai desiderare una donna, lei risponde: «Mai: sono russa, preferisco gli uomini, i diamanti, il caviale».

Attualmente fidanzata con l’attore statunitense Bradley Cooper, non si vergogna delle sue umili origini: “Non ho mai preso un aereo fino ai 19 anni. Il momento più imbarazzante della mia vita? Quando, a vent’anni, sono andata a Parigi per la prima volta. Non avevo niente da mettermi e a volte neanche da mangiare. Ricordo di quanto fossi in imbarazzo con le altre modelle per il modo in cui ero vestita”.

Next Post

Black Bruxelles – L'amore ai tempi dell'odio, al cinema il 31 agosto

Il 31 agosto 2016 arriva al cinema il film di Adil El Arbi e Bilall Fallah “Black Bruxelles – L’amore ai tempi dell’odio”. I due registi ci regalano una storia  moderna ambientata in una Bruxelles schiacciata sotto il peso di una microcriminalità dilagante, effetto scontato di un tasso di disoccupazione […]
Black Bruxelles – L'amore ai tempi dell'odio, al cinema il 31 agosto