Kevin Spacey, i terroristi sono solo isolati perdenti

In una Roma blindata, con la paura sempre altissima di attacchi terroristici, all’indomani di quelli terribili messi a segno a Barcellona, è arrivato Kevin Spacey, per presentare il brillante Baby Driver di Edgar Wright.

L’attore in questa occasione ha parlato anche di terrorismo, e senza usare mezze parole ha sottolineato di non sentirsi affatto minacciato durante la sua permanenza in Europa: “Non sono d’accordo con chi dice che Londra o l’Europa siano sotto attacco. Si tratta di isolati ‘perdenti’ che scelgono la via più facile per fare del male alle altre persone.”

Space poi ribadisce: “Non siamo sotto attacco: ai media piace raccontare questa cosa, ma non è vera. Per quanto sia terribile e doloroso vedere tante persone soffrire per i loro cari morti o per i feriti, non si tratta di un continente o di città sotto attacco. E’ come risponderemo a tutto questo a dimostrare che non siamo sotto attacco. E, alla fine, tutto andrà bene.”

Rilassato e molto disponibile, il celebre attore ha poi raccontato del suo rapporto con il cinema, del destino dei suoi ruoli ed anche del suo attore mito, ovvero Jack Lemmon.

Si sofferma anche sul suo rapporto con i giovani attori: “Penso che non abbia nulla da insegnare a nessuno. Quando io ero giovane la mia lezione più grande era quella che mi veniva dall’osservazione di personaggi come Jack Lemmon. Un attore che è stato al top per decenni. Lui mi ha insegnato che il protagonista di un film deve essere un po’ anche un conduttore che guida l’intera compagnia. Questo crea l’atmosfera e il giusto esempio”.

In ‘Baby Driver’ con Ansel Elgort, Lily James, Jon Bernthal, Eiza González, Jon Hamm e Jamie Foxx, dal 7 settembre in sala con la Warner Bros, interpreta il ruolo di Doc, il boss di un manipolo di rapinatori.

Ma in questo comedy-action-movie dalle molte anime (anche quella musical) il protagonista è appunto Baby (Elgort) talentuoso giovane pilota da rapina che vive la sua vita, come le sue fughe in auto, al ritmo delle musiche dei suoi multipli I-Pod.

Ricordiamo inoltre che Kevin Spacey è a Roma da qualche tempo, sul set del film di Ridley Scott sul rapimento Getty, nel ruolo del patriarca. Sul quel film vige il riserbo totale, ma l’attore, che in Italia girerà anche un film sulla vita di Gore Vidal, è piuttosto felice della trasferta : “Negli ultimi due mesi e mezzo ho girato due film da voi. Posso solo dire le orribili ovvietà da turista, è delizioso essere qui: cibo, architettura, arte, calore umano, cosa potrei chiedere di più? Magari solo un po’ di pioggia…”.

Next Post

Linea di separazione mini serie tv in onda su Rai 3

Linea di separazione è una nuova mini serie che andrà in onda il 25 e il 26 agosto su Rai 3 che racconta la Germania divisa tra americani e sovietici. In questa serie tv in due puntate si racconta la storia d’amore di due giovani in una Germania del secondo […]