Kirk Douglas, i primi 100 anni di un mito

Eleonora Gitto

I primi 100 anni di Kirk Douglas, il mito.

L’attore è nato il 9 dicembre 1916 ad Amsterdam: il suo vero nome è Issur Danielovitch Demsky.

Nei decenni successivi alla sua nascita sul grande schermo spopolavano attori come Errol Flynn, Paul Muni, James Cagney.

Tutte facce dedite al cinema d’azione, facce dure, incarognite, indimenticabili come indimenticabili erano le loro interpretazioni.

Douglas si è ispirato probabilmente a loro, così come in tempi successivi a Douglas stesso si sono ispirati attori come Steve MqQueen e Clint Eastwood. Erano i tempi comunque del cinema d’azione, del western soprattutto, del cinema d’avventura.

Mentre da una parte si stagliava nella propria granitica immobilità la figura di un John Wayne, dall’altra Douglas apportava elementi importanti di dinamicità, di azione a tutto tondo, col suo bel fisico scolpito e con quel suo modo di fare più veloce, agitato. Insomma, uno stile diverso, anche nel parlare e nel presentarsi sulla scena.

Il mito Douglas se l’è cavata alla grande fino ad adesso, fino a festeggiare un secolo di vita.

Fra le sue interpretazioni indimenticabili Il Grande Campione, Il Sentiero della Gloria, Lust for Life, Il Bruto e la Bella, Le Catene della Colpa, L’asso nella Manica, Orizzonti di Gloria, Spartacus, L’Uomo senza Paura.

Next Post

Mark Zuckerberg, tra informatica e politica

Mark Zuckerberg, tra informatica e politica. Insomma questi imprenditori, grandi imprenditori, plurimiliardari, pensano pure alla politica, più o meno intensamente. Silvio Berlusconi, Donald Trump, e forse adesso anche Mark Zuckerberg. Qualche piccolo, timido accenno era venuto fuori durante la campagna Usa per le presidenziali. E qualche conferma un po’ più […]
Mark Zuckerberg, tra informatica e politica