La coscienza sopravvive alla morte, lo dice la scienza
La coscienza sopravvive alla morte

Tradizionalmente, la scienza ha liquidato l’anima come oggetto del credo umano, o l’ha ridotta a un concetto psicologico che modella la nostra cognizione del mondo naturale osservabile.

Ma nuove comprensioni della coscienza hanno sfidato questa affermazione. Secondo la teoria, la coscienza deriva dai microtubuli all’interno delle cellule cerebrali (neuroni) che sono siti di elaborazione quantistica.

Secondo il dottor Hameroff dell’Università dell’Arizona e il fisico britannico Sir Roger Penrosen, quando il cuore smette di battere, il sangue smette di scorrere ei microtubuli perdono il loro stato quantistico, le informazioni quantistiche nei microtubuli non vengono distrutte. Quindi questo potrebbe spiegare le esperienze di pre-morte o l’idea che la nostra coscienza sia eterna:

La coscienza sopravvive alla morte

Le informazioni quantistiche all’interno dei microtubuli non vengono distrutte, non possono essere distrutte, si distribuiscono e si dissipano nell’universo in generale. È possibile che l’informazione quantistica possa esistere al di fuori del corpo, forse indefinitamente, come anima “, ha detto.

Hanno sostenuto che la nostra esperienza di coscienza è il risultato degli effetti della gravità quantistica in questi microtubuli, una teoria che hanno soprannominato riduzione oggettiva orchestrata (Orch-OR).

Così si ritiene che le nostre anime siano qualcosa di più dell’interazione dei neuroni nel cervello. Sono infatti costruiti dal tessuto stesso dell’universo – e potrebbero essere esistiti dall’inizio dei tempi.

Quindi sì, c’è una parte della tua coscienza che non è materiale e vivrà dopo la morte del tuo corpo fisico.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sony Xperia XA, nuovi video e foto sull’attesissimo smartphone

Arrivano nuovi video e foto sull’attesissimo smartphone Sony Xperia XA. L’ospite di…

Smog, Legambiente: in Piemonte troppi Comuni inadempienti

In Piemonte sono troppi i Comuni inadempienti sullo smog: la denuncia di…