La Russia punta Saturno e Giove attraverso l’energia nucleare

Redazione

Il direttore scientifico dell’Istituto di ricerca spaziale dell’Accademia russa delle scienze, ha annunciato che gli scienziati stanno pianificando un viaggio su Giove, Saturno o Nettuno utilizzando motori nucleari, attualmente progettati in Russia.

La Russia punta Saturno e Giove attraverso energia nucleare

Secondo il magazine RT, Zelioni, direttore dell’istituto di ricerca spaziale, ha aggiunto: “Non abbiamo realizzato questo sogno nel periodo sovietico e non lo abbiamo raggiunto al momento, anche se è molto interessante, ma utilizzando motori tradizionali la strada sarà molto lunga, mentre si utilizzano tecnologie moderne. possiamo raggiungerlo rapidamente.

Aggiunge, spiegando, che questa è una stazione automatica, che può volare intorno al sistema solare non in 40 anni come ha fatto l’American Voyager, ma piuttosto molto più velocemente.

Da parte sua, Alexander Shakhanov, segretario del consiglio scientifico della Lavochkin Scientific Production Company, che sta lavorando alla progettazione di un impianto del genere, indica che la compagnia prevede di volare utilizzando motori elettrici.

È stato riferito che Anatoly Petrokovich, direttore dello Space Research Institute, aveva precedentemente annunciato che gli scienziati inizieranno a progettare un razzo super pesante con una locomotiva nucleare nel 2021.

Ros Cosmos ha firmato il 10 dicembre un contratto con l’Arsenal Design Office sulla progettazione di la locomotiva Nuclon, che scade nel luglio 2024, potrebbe essere la prima missione di questa locomotiva, in esplorazione sulla luna.

Next Post

Arcobaleno su Marte, la Nasa spiega ma il web non ci crede

Le immagini recenti del rover Perseverance della NASA, hanno suscitato moltissimo interesse sul web, in particolar modo sui social. Il 4 aprile, la fotocamera di sicurezza del rover ha rilevato quello che sembra un perfetto arcobaleno nel cielo marziano. L’immagine è diventata virale su Internet e ha scatenato speculazioni di […]
Arcobaleno su Marte la Nasa spiega ma il web non ci crede