Arcobaleno su Marte, la Nasa spiega ma il web non ci crede

Redazione

Le immagini recenti del rover Perseverance della NASA, hanno suscitato moltissimo interesse sul web, in particolar modo sui social.

Arcobaleno su Marte la Nasa spiega ma il web non ci crede
La foto dell’arcobaleno scattata dal rover Perseverance (Foto@Nasa)

Il 4 aprile, la fotocamera di sicurezza del rover ha rilevato quello che sembra un perfetto arcobaleno nel cielo marziano. L’immagine è diventata virale su Internet e ha scatenato speculazioni di ogni tipo, dato che gli arcobaleni non dovrebbero essere possibili nell’atmosfera molto secca di Marte.

Gli utenti del social Reddit hanno ipotizzato che “l’arcobaleno” possa effettivamente essere un “arco di polvere” causato dalla polvere, piuttosto che dalle goccioline d’acqua. Gli utenti hanno anche tirato fuori un vecchio commento dal capo scienziato della Nasa Mars Program Office, Rich Zurek, che aveva riferito che un “arco di ghiaccio” potrebbe apparire su Marte.

Non proprio arcobaleni, perché non piove, ma abbiamo visto gli arcobaleni con la missione Pathfinder”, ha scritto in risposta a una domanda in una sessione ‘Ask Me Anything’ del 2015 su Reddit.

Quindi cosa mostra esattamente l’immagine della NASA? L’agenzia spaziale ha comunque voluto chiarire attraverso l’account ufficiale Twitter.

Molti hanno chiesto: è un arcobaleno su Marte? No. Gli arcobaleni non sono possibili qui“, ha chiarito la Nasa sull’account ufficiale Twitter legato alla missione del rover Perseverance. “Gli arcobaleni sono creati dalla luce riflessa da goccioline d’acqua rotonde, ma qui non c’è abbastanza acqua per condensare, ed è troppo fredda per l’acqua liquida nell’atmosfera. Questo arco è un riflesso lente“, ha spiegato.

Dave Lavery del quartier generale della NASA ha anche confermato a Forbes che si trattava di “Sicuramente non un arcobaleno, sono solo riflessi interni nell’obiettivo della fotocamera“.

Next Post

Coronavirus e salute mentale, i sintomi di chi è sopravvissuto

Un nuovo studio ha rivelato che una persona su tre sopravvissuta al Coronavirus in modo sintomatico e grave, si è riscontrato che, secondo gli esami successivi, ha continuato a soffrire di condizioni neurologiche e psicologiche sei mesi dopo l’infezione. Un nuovo studio britannico, considerato il più grande del suo genere, […]
Coronavirus e salute mentale i sintomi di chi sopravvissuto