Lady Gaga compie trent’anni tra successi e trasformismo

Rispetto a molte suo colleghe ha raggiunto il successo e il riconoscimento planetario molto velocemente, ed ora, festeggiando i suoi primi trent’anni, può già contare su una fama e una fortuna non indifferenti.

Lady Gaga è una delle artiste che ha venduto più album nella storia della musica in appena otto anni di carriera, ma è anche e soprattutto un’icona culturale, con il suo stile e la sua personalità che vanno ben oltre la semplice carriera da cantante.

Al secolo Stefani Joanne Angelina Germanotta, Lady Gaga è nata a New York il 28 marzo 1986 da un imprenditore americano di origini siciliane e Cynthia Bissett, di origini franco-canadesi. Dopo il debutto nel 2008 con l’album di inediti ‘The Fame’, nel quale intonava brani come ‘Just Dance’ e ‘Poker Face’, seguirono album dal successo planetario come ‘Born This Way’ (2011) e ‘Artpop’ (2014).

Gaga ha costruito una sé stessa stravagante, provocante, camaleontica, e, perché no, a tratti anche dai modi non condivisibili.

Di lei sono già entrati nell’immaginario collettivo molte sue mise: c’è chi non può dimenticare l’abito fatto di carne, realizzato per gli MTV Video Music Awards 2010, firmato da Franc Fernandez e Nicola Formichetti, o quello fatto di bolle, o anche il maxi dress fiabesco dal tocco barocco, con piume oro sulla testa e le mitiche scarpe ‘armadillo’ di Alexander McQueen.

Nei suoi primi trent’anni, non è mancata neppure l’esperienza da attrice: la partecipazione alla quinta stagione della serie ‘American Horron story’ le è valsa un Golden Globe come migliore attrice in miniserie o film tv.

Ora non resta che l’attesa delle nozze con l’attore e modello Taylor Kinney, conosciuto nel 2011 durante le riprese del video ‘You and I’, ma anche la data del matrimonio è avvolta dallo stesso alone di mistero che circonda tutto ciò che riguarda la vita privata di Lady Gaga.

Next Post

Giuseppe Cruciani e la sua disavventura con gli animalisti

Mai come durante le festività pasquali, in cui nella maggior parte delle cucine italiane si preparano piatti a base di conigli, capretti, agnelli e consimili, gli animalisti scendono in campo, per diffondere il loro messaggio, a volte anche in modo poco pacifico. Stavolta la “vittima” prescelta dagli animalisti è stato […]