Le nano spirali russe, un mistero ancora irrisolto

Nel 1992, negli Urali, un geologo russo scoprì per caso quelle che in seguito sarebbero state chiamate nano spirali russe. La scoperta delle nano spirali russe, o più correttamente minuscoli oggetti a forma di spirale, è stata fatta mentre studiava i depositi di minerali.

I manufatti erano fatti di rame, tungsteno e molibdeno. Gli oggetti variavano di dimensioni dal più grande che era di circa 1 1/18 pollici al più piccolo che era solo 1 / 10.000 di pollice.

Queste curiose scoperte assomigliavano, in modo veramente anomalo, agli elementi di controllo utilizzati nelle “nano-macchine” recentemente sviluppate. Tutti i pezzi sono stati trovati a profondità comprese tra 10 e 40 piedi, incorporati in depositi di ghiaia e detriti.

Questi depositi corrispondevano alla regione inferiore dell’orizzonte di Mikulinsk dell’era pleistocenica superiore, suggerendo che gli oggetti stessi potressero avere circa 100.000 anni. Non è possibile che tali oggetti possano essere incorporati così profondamente senza avere origini antiche.

Tutti gli oggetti sembrano essere fabbricati in quanto nessun tipo di processo naturale noto potrebbe spiegare la loro creazione. Come gli umani 100.000 anni fa sarebbero stati in grado di essere tecnologicamente avanzati a tal punto da essere in grado di crearli è ancora un mistero.

Questa misteriosa scoperta è forse la prova che gli esseri umani potrebbero essere stati tecnologicamente più avanzati di quanto si credesse in precedenza o sono l’evidenza dell’oggetto di contatto o presenza extraterrestre?

Molti detrattori continuano ad affermare che questi piccoli oggetti equivalgono semplicemente a detriti dai razzi che vengono testati e lanciati dalla zona vicina a Plestsk. Questa spiegazione non è avallata per due motivi principali.

In primo luogo, nessuno ha mai trovato materiali paragonabili a quelli trovati vicino all’area in cui sono avvenuti i lanci e infine con questi materiali trovati a profondità tra i 10-40 piedi sotto la superficie non sarebbero coerenti con i detriti di razzi.

Le strutture sono state studiate dall’Accademia delle scienze russa a Mosca, Syktyvkar e San Pietroburgo e anche presso l’Istituto di Helsinki in Finlandia senza risultati. Non sono mai state tratte conclusioni ufficiali soddisfacenti sugli artefatti.

Sfortunatamente, ulteriori ricerche sugli oggetti sono state bloccate a causa della morte del Dr. Johannes Fiebag nel 1999. Era il principale ricercatore responsabile della scoperta.

La scienza non ha ancora deciso esattamente cosa siano queste minuscole strutture e molte teorie diverse sono state proposte da sostenitori e detrattori. Non sono mai state tratte conclusioni definitive e non sono state confermate conclusioni soddisfacenti.

È possibile che gli umani antichi fossero tecnologicamente più avanzati di quanto si credesse in precedenza? Tutti gli umani erano così avanzati o erano solo una piccola parte dell’umanità in grado di produrli?

Un’altra possibilità definita è che questi oggetti siano di origine extraterrestre e fossero o tecnologia fornita agli umani o scartata da una razza aliena avanzata. Chissà?

Le possibilità sono infinite, ma è certo che dovrebbero esserci ulteriori studi su questi oggetti e che non dovrebbero essere scartati dalla comunità scientifica senza esplorare tutte le possibilità praticabili.

Loading...
Potrebbero interessarti

Donazzan trasforma un furto di bici in una guerra razzista

Una serata certamente non piacevole per l’assessore Elena Donazzan che, uscita da un…

Facebook: ecco le nuove Reactions

Sono disponibili le nuove Reactions su Facebook che affiancheranno il classico dito…