Le piante nei vasi non migliorano la qualità dell’aria

Nel 1989, la NASA ha condotto un famoso studio sull’aria pulita per vedere se le piante d’appartamento comuni potessero purificare l’aria interna rimuovendo le tossine oltre ad assorbire anidride carbonica e rilasciare ossigeno. Ha funzionato e mentre le piante sono ancora in grado di assorbire le tossine nocive nell’aria, una nuova ricerca suggerisce che la capacità delle “piante in vaso” di migliorare la qualità dell’aria in casa o in ufficio è ampiamente sopravvalutata e nasconde una soluzione più efficace per mantenere l’aria pulita.

Scrivendo sul Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology , i ricercatori hanno scoperto che la ventilazione naturale degli ambienti interni diluisce le concentrazioni di inquinanti atmosferici potenzialmente dannosi molto più velocemente di quanto una pianta sia in grado di estrarli.

Il modo migliore per avere una casa sana è cercare di ridurre le emissioni dall’interno, ventilare bene (soprattutto quando si producono emissioni ad alto impatto come cucinare) e utilizzare la filtrazione per determinati inquinanti (ad esempio il particolato)“, autore dello studio Michael Waring dell’Università di Drexel ha detto a IFLScience.

Il punto in cui la NASA e studi simili non sono coerenti è che hanno condotto i loro esperimenti in camere sigillate nei laboratori, che non riproducono accuratamente i molti fattori che influenzano i nostri ambienti interni.

Questa è la prima revisione sistematica della letteratura che esamina la [rimozione] di composti organici volatili (COV) da piante in vaso usando studi da camera“, ha affermato Waring.

Per giungere alle loro conclusioni, Waring e il suo team hanno sistematicamente rivisto una dozzina di studi prendendo i dati disponibili sulla rimozione di COV da diversi studi e convertendo i risultati in una metrica comune hanno soprannominato il tasso di erogazione di aria pulita (CADR). Il CADR è stato utilizzato per parametrizzare la pulizia dell’aria all’interno. Utilizzando questa metrica, l’impatto della capacità delle piante di rimuovere i COV è stato confrontato con la capacità di rimozione di altri tipi di ventilazione, sia naturale che meccanica.

In un piccolo ufficio, dovresti avere da qualche parte tra 100 e 1.000 piante per avere lo stesso impatto di pulizia dell’aria della ventilazione con 1 cambio d’aria all’ora, che è un valore tipico“, ha detto Waring.

Per comprendere gli effetti dell’inquinamento indoor, Waring afferma di pensarlo come fosse in tre categorie. Il primo sono composti organici volatili, che sono molecole in fase gassosa che vengono emesse da molte fonti come prodotti di consumo, detergenti e materiali da costruzione. Questi tendono a risiedere nell’aria stessa.

Il secondo è composti organici semi-volatili (SVOC), che si trovano in prodotti come pesticidi, ritardanti di fiamma o plastificanti. Questi tendono ad essere “appiccicosi” e si attaccano alle superfici interne e possono persistere per mesi o anni “, ha aggiunto.

Infine, il particolato, che può essere solido o liquido, può essere trovato fluttuante nell’aria. Questi inquinanti indoor sono stati collegati ad asma, reazioni allergiche, irritazione e altri disturbi respiratori.

Ciò ovviamente non significa che puoi buttare via le tue piante. Waring afferma che sebbene le piante d’appartamento non puliscano l’aria in ambienti tipici, le piante d’appartamento producono comunque benefici, molti dei quali sono psicologici.

Loading...
Potrebbero interessarti

Dentisti a basso costo, carie e otturazioni in offerta

Il periodo nero che sta affrontando il nostro Paese ormai da anni,…

Mangiare in che modo per evitare il cancro

Per la maggior parte delle patologie la prevenzione è praticamente vitale, se…