Londra, arrestato pilota Giapponese ubriaco

Purtroppo, anche se per fortuna sempre più raramente, capitano disastri aerei con decina o centinaia di morti.

Disastri inevitabili, causate da avarie al motore o da guasti tecnici, ma è terribile pensare che delle persone debbano rischiare la morte per colpa della superficialità e stupidità umana.

Un pilota, 42 enne dipendente della compagnia di bandiera nipponica, la Jal, è stato visto barcollare e l’autista della navetta che lo ha condotto in aeroporto si è accorto del suo alito pesante, dando così l’allarme.

Il pilota, nelle sei ore precedenti il decollo si è letteralmente attaccato alla bottiglia: due di vino e poi 5 lattine di birra ed è risultato positivo ai test superando i massimi consentiti di 10 volte.

La Jal è stata quindi costretta non solo a scusarsi con i suoi passeggeri, ma anche a cambiare le norme sul consumo di alcolici per i suoi lavoratori. Da adesso il personale in volo non può assumere alcolici nelle 24 ore precedenti al decollo.

Next Post

Sicilia, sono dodici i morti per il maltempo

Una vera e propria tragedia quella che si sta consumando in Sicilia in queste ore: la pioggia incessante e il vento hanno fatto esondare fiumi e corsi d’acqua, creato frane e smottamenti, e purtroppo sono già dodici le vittime accertate. Al confine dei comuni di Altavilla Milicia e Casteldaccia, non […]