Lory Del Santo, bloccata a Miami per l’uragano Irma

In queste ore tutta l’America sta vivendo momenti terribili: l’uragano Irma è stato così potente da assorbire il mare delle Bahamas, lasciando alcune spiagge delle isole completamente secche.

L’uragano ieri ha raggiunto la Florida colpendo, per primo il versante sud occidentale, provocando 5 morti, mentre 10 persone hanno perso la vita a Cuba dove l’uragano ha fatto rotta prima di toccare il suolo statunitense. Ora punta a Tampa, sulla costa ovest: il peggio non è ancora passato, nonostante sia stato nel frattempo declassato a tempesta tropicale.

La città di Miami è stata sfollata, ma non tutti hanno voluti abbandonare la propria abitazione, e tra questi c’è anche la “nostra” Lory Del Santo, che però dai social ha testimoniato tutta la sua paura.

Lory è stata in Florida praticamente per l’intera estate col fidanzato Marco Cucolo, con cui ha una relazione dal 2014, e i figli. Sarebbe dovuta rientrare in Italia alla fine di agosto ma poi ha deciso di prolungare di qualche giorno il soggiorno trovandosi così a ridosso dell’arrivo dell’uragano. A sentire lei nessuno si sarebbe aspettato che Irma potesse essere così devastante.

Contattata tramite WhatsApp da Tgcom24, la showgirl racconta come sta trascorrendo queste ore tra le mura del suo appartamento a South Beach. “Ho paura, come tutti ci siamo organizzati con le provviste, ma siamo rimasti davvero in pochi: moriremo?”, scrive.

“Siamo senza elettricità – continua la regista di The Lady – È difficile comunicare, speriamo di sopravvivere e di riuscire a rientrare a Milano nei prossimi giorni”. E poi conclude: “Qui c’è una situazione davvero spettrale. Siamo rimasti davvero in poche famiglie, e siamo tutti chiusi in casa, in spiaggia e sull’Ocean Drive non c’è nessuno, i supermercati sono stati presi d’assalto e sono vuoti. Sapevamo dell’uragano ma non immaginavamo che ci saremmo ritrovati in una situazione del genere”.

Prima di lei, anche Rita Rusic, produttrice cinematografica ed ex moglie di Vittorio Cecchi Gori, che vive gran parte dell’anno a Miami, ha raccontato di essere  stata costretta a fuggire.

Insieme alla figlia ha raggiunto Tampa, ma ora è proprio lì che si sta dirigendo l’uragano, come ha raccontato al Corriere della Sera: “Abbiamo sbagliato, ci avevano detto che era meglio lasciare Miami e che il ciclone si sarebbe diretto verso la costa est, così noi siamo andate ad ovest in macchina. Ma abbiamo sbagliato perché ora pare che qui si scatenerà l’inferno”.

“A casa non potevo rimanere, vivo al 57esimo piano, l’altra volta con Wilma si muoveva tutto ed ero soltanto al 17esimo. Una roba spaventosa. Ho visto in tv che le strade del mio quartiere sono tutte allagate, quindi direi che siamo più al sicuro qui in questo hotel di quattro piani con i vetri anti-uragano”, ha concluso.

Next Post

Tumore, arriva la penna che fa la diagnosi in pochi secondi

Arriva la penna che fa la diagnosi del tumore in pochi secondi. Il goal della medicina del futuro è la prevenzione, e gli strumenti diagnostici vanno sempre più perfezionandosi. Naturalmente parliamo di strumenti diagnostici sempre meno invasivi e più veloci nelle risposte. Oltre a Tac, Risonanze magnetiche, Ecografie e quant’altro, […]
Tumore, arriva la penna che fa la diagnosi in pochi secondi