Lumini e lampade ai defunti, sai perchè si accendono?
Lumini e lampade ai defunti sai perche si accendono

In occasione del 1 e del 2 novembre, in concomitanza con la ricorrenza di Ognissanti e dei defunti, i cimiteri vengono presi d’assalto da migliaia di persone che, anche se nel corso dell’anno vi si recano poco o nulla, trovano il tempo per andare a commemorare i propri defunti.

Si portano sulle tombe fiori ma soprattutto lumini e lampade votive: ma perché si sente l’esigenza di utilizzare questi simboli?

Il significato naturalmente va rintracciato nel solco della religione cattolica.

Se infatti genericamente ceri e lumini rappresentano la luce e quindi la vita, essendo la luce stessa la prima creazione di Dio, metterli sulle tombe metaforicamente serve a sconfiggere le tenebre e a guidare i “giusti” ad imboccare la retta via.

In sostanza, per i credenti le luci aiutano l’anima del defunto ad avere la luce necessaria nel corso del suo viaggio verso il Cielo e quindi la beatitudine eterna.

E del resto già nell’antichità la luce accanto al sepolcro indicava che il defunto era vissuto nella luce della fede e si invocava che su di lui splendesse la «luce perpetua».

Loading...
Potrebbero interessarti

Anno bisestile, la teoria dei 300 anni persi

Il giorno 29 febbraio, ha riacceso l’interesse per una bizzarra teoria che…

La grande Piramide, scoperta forse la camera segreta?

Ricercatori giapponesi eseguiranno nuove scansioni nel tentativo di confermare che una camera…