Maltempo fa danni e miete vittime

Nell’ultima settimana sembrava arrivato una sorta di anticipo di primavera: soprattutto nel centro sud le temperature registrate erano state piuttosto miti ed anche a nord la neve aveva fatto capolino solo ad alta quota.

Ed invece, in questo ultimo fine settimana di febbraio, la situazione si è completamente capovolta: con un brusco calo termico, freddo e gelo sono tornati improvvisamente sullo stivale, assieme a fortissime raffiche di vento che hanno flagellato soprattutto dal Lazio in giù, mietendo vittime e provocando danni ingenti.

Nello specifico, già nella giornata di ieri la Protezione civile ha diramato un’allerta gialla per rischio idrogeologico su Basilicata, Calabria e gran parte della Sicilia, ma tra le regioni sotto osservazione ci sono anche Campania e Puglia.

A causa del vento forte un mercantile turco si è arenato sul litorale sud di Bari, ma un incidente ha coinvolto anche due navi nel porto di Ischia.

Ma la situazione peggiore l’ha vissuta però il Lazio: qui il ento ha scoperchiato tetti, divelto alberi, portato con sé tutto ciò che ha trovato sulla sua strada, provocando ben 4 vittime.

Due persone sono morte nel Frusinate, ad Alvito, per il crollo di un muro alto circa due metri dovuto al forte vento. La terza vittima a Guidonia, vicino Roma, dove un albero, anche qui in seguito alle violente raffiche, si è abbattuto su un’auto uccidendo il conducente, un uomo di 40 anni.

La quarta vittima, la più giovane, un ragazzino di 14 anni che è morto a causa di una caduta provocata da una fortissima raffica di vento.

Loading...
Potrebbero interessarti

Napoli, uomo accusato di molestie su 12 enne linciato dalla folla

Solo l’intervento tempestivo dei carabinieri ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente…

Toscana, avvertita una scossa ma erano caccia militari

Un periodo fatto di palpitazioni per tutta la popolazione del centro Italia,…