Mannarino condannato a un anno e mezzo per rissa

Sicuramente è stato un gesto istintivo, stupido e di cui si è certamente più volte fortemente pentito, ma una rissa durante una festa è costata cara ad Alessandro Mannarino.

Il cantante romano è stato infatti stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione per una rissa in cui rimase coinvolto nel 2014: il giudice monocratico del Tribunale capitolino, Clementina Forleo, lo ha riconosciuto l’artista colpevole dei reati di rissa e resistenza a pubblico ufficiale.

A scatenare la rissa alcune frasi ingiuriose che un gruppo di ragazzi rivolsero alla sorella del cantante, fuori ad un locale sul Lungomare di Ostia.

Alle beffe risposero Alessandro ma anche suo fratello Paolo, a cui è stata inflitta una multa di 300 euro per l’accusa di rissa mentre è stato assolto dal reato di resistenza.

Nel corso delle precedente udienza, il pm aveva chiesto l’assoluzione dei due fratelli Mannarino ma, dopo un rinvio disposto dal giudice per ascoltare altri due testimoni, l’accusa ha sollecitato oggi la condanna dei protagonisti della vicenda.

Una terza persona, che avrebbe fronteggiato i due fratelli e arrestata con loro, è stato invece condannato al pagamento di una multa di 200.

Loading...
Potrebbero interessarti

Raffaella Fico, Balotelli non è costante come padre

La piccola Pia Balotelli è stata al centro delle polemiche già molto…

Demi Moore a casa sua un morto in piscina

Singolare caso nella casa privata dell’attrice Demi Moore, nella giornata di ieri…