Marte, il pianeta rosso era pieno di laghi: la prova di possibili tracce di vita?

Redazione

Marte in passato era ricco di bacini d’acqua molto simili ai laghi presenti sulla terra, dove potrebbero essersi sviluppate tracce di vita microbica. Lo rivelano le immagini inviate da Curiosity, la sonda che dal 2012 è stata inviata nello spazio per raccogliere informazioni utili, dati e dettagli sul pianeta rosso che nasconde ancora molti segreti.

Sotto osservazione in modo particolare il gigantesco cratere Gale, che avrebbe in passato ospitato un immenso lago. Vicino al cratere Gale sorge il Monte Sharp, un’altura che raggiunge i 5500 metri, che potrebbe essersi formato proprio grazie ai sedimenti del lago nel corso dei secoli secondo i ricercatori della Nasa.

I fianchi della montagna infatti sono caratterizzati da diversi strati di roccia, e sarebbero la prova dell’esistenza del lago che si sarebbe via via ritirato. La presenza di acqua sul pianeta rosso non escluderebbe quindi possibili forme di vita. Se venisse confermata questa teoria, le condizioni climatiche di Marte umide e miti sarebbero state stabili nel corso di molti secoli e non solo transitorie.

Gli esperti della Nasa hanno sottolineato i notevoli progressi dello studio fatti grazie al lavoro di Curiosity, che continua ad immagazzinare ed inviare dati e analisi fondamentali anche per organizzare future missioni su Marte.

Next Post

Maccio Capatonda, il 29 gennaio esce il suo primo film "Italiano Medio"

Maccio Capatonda finalmente sbarca per la prima volta al cinema. Il 29 gennaio uscirà nelle sale “Italiano Medio”. L’annuncio, in pieno stile “macciocapatondiano”, è stato dato direttamente sulla pagina ufficiale del film: “È uscita la notizia che tutti stavamo aspettiamo, “Italiano medio” ha una data di prossimamente: il 29 gennaio! […]