Marte: Si studia il metodo per trasformare l’acqua in ossigeno

Redazione

I ricercatori americani affermano di aver inventato un metodo che potrebbe utilizzare l’acqua salata su Marte per produrre ossigeno e carburante.

Ossigeno e carburante sarebbero entrambi elementi importanti per supportare le future attività di esplorazione umana sul Pianeta Rosso.

Gli ingegneri della Washington University di St. Louis, Missouri, hanno sviluppato il nuovo metodo. Il metodo funziona con l’elettrolisi, un processo che fa passare una corrente elettrica attraverso un liquido, come l’acqua.

La macchina creata dai ricercatori si chiama elettrolizzatore. I ricercatori dicono che può separare l’acqua salata in ossigeno e gas idrogeno. L’ossigeno sarebbe necessario per far respirare gli esseri umani e l’idrogeno potrebbe essere utilizzato per alimentare veicoli spaziali e attrezzature.

Marte Si studia il metodo per trasformare acqua in ossigeno

Il team ha descritto il processo in uno studio recentemente pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Gli scienziati hanno già raccolto prove concrete che suggeriscono che Marte una volta aveva enormi quantità di acqua e che il pianeta probabilmente ne detiene una grande scorta oggi. Ma Marte è estremamente freddo. Quindi, si pensa che la maggior parte dell’acqua esista sotto forma di ghiaccio.

Il team di ricerca osserva che l’acqua che non è congelata è quasi sicuramente piena di sale dal suolo marziano. I normali metodi di elettrolisi per scomporre l’acqua in ossigeno richiedono prima la rimozione del sale. Questo processo può essere complesso, costoso e dannoso per l’ambiente, affermano i ricercatori.

L’acqua di Marte potrebbe essere trasformata in ossigeno.

Hanno detto che il nuovo metodo che hanno inventato può prendere direttamente l’acqua salata e convertirla in ossigeno e idrogeno.

Il team ha condotto esperimenti con alti livelli di sali di magnesio, che gli scienziati ritengono probabilmente esistano su Marte. I ricercatori hanno anche effettuato i test a temperature simili all’atmosfera del Pianeta Rosso.

In un comunicato stampa, gli ingegneri hanno suggerito che il sistema sarebbe stato molto prezioso durante le attività di esplorazione pianificate su Marte. “Per vivere – anche temporaneamente – su Marte, per non parlare del ritorno sulla Terra, gli astronauti dovranno produrre alcune delle necessità, tra cui acqua e carburante, sul Pianeta Rosso“.

Anche l’agenzia spaziale statunitense NASA ha sperimentato la tecnologia per produrre ossigeno su Marte. Perseverance sarà un nuovo veicolo esplorativo, o rover, attualmente in viaggio verso Marte.

Il dispositivo della NASA è progettato per convertire l’anidride carbonica dall’atmosfera di Marte in ossigeno. Il processo utilizza un metodo di elettrolisi ad alta temperatura. Gli scienziati della NASA hanno testato il sistema ricreando l’atmosfera di Marte in esperimenti sulla Terra.

Il ricercatore capo del nuovo progetto è Vijay Ramani, professore di ingegneria chimica alla Washington University. Ha detto che il sistema sviluppato dal suo team potrebbe produrre 25 volte più ossigeno del metodo della NASA, utilizzando la stessa quantità di energia. Può anche produrre idrogeno, cosa che il dispositivo della NASA non può fare.

Il team di ingegneri ha affermato che il suo metodo potrebbe persino trovare usi preziosi sulla Terra. “Dopo aver dimostrato questi elettrolizzatori in condizioni marziane impegnative, intendiamo distribuirli anche in condizioni molto più miti sulla Terra“, ha detto Pralay Gayen. È un ricercatore post-dottorato presso la Washington University e uno degli autori principali dello studio.

Gayen ha detto che il dispositivo potrebbe essere utilizzato per convertire l’ acqua salmastra o salata in ossigeno e idrogeno attraverso “l’elettrolisi dell’acqua di mare“.

Una volta che tale uso potrebbe essere nelle industrie della difesa, ha aggiunto. Il metodo potrebbe creare ossigeno su richiesta per i sottomarini. Potrebbe anche essere in grado di fornire ossigeno ai ricercatori che esplorano nuovi ambienti nelle profondità marine.

Next Post

Cina accusa: Coronavirus arriva da carne australiana

Il mondo intero sa che l’infezione da coronavirus è emersa dalla città cinese di Wuhan, diffondendosi in tutto il mondo. Oggi ci sono molte versioni di dove il virus potrebbe effettivamente avere origine. Una teoria è che sia stato importato. Recentemente, è stata presentata una versione secondo cui l’infezione potrebbe arrivare con la carne […]
Coronavirus arriva da carne australiana