Massimo Boldi: umanamente mi manca De Sica

Naturalmente non è scomparso dagli schermi televisivi e cinematografici, e come ogni anno, tra pochi giorni, lo rivedremo sugli schermi col suo classico cine-panettone, ma possiamo candidamente ammettere che da quando si è rotto il sodalizio con Christian De Sica non è più la stessa cosa.

E lo stesso Massimo Boldi, in una bella intervista rilasciata alla trasmissione radiofonica ‘Un giorno da pecora’, è tornato proprio a parlare del suo rapporto con il collega: “Il comico italiano che mi fa ridere di più è Christian De Sica. Se abbiamo litigato? Ma chi l’ha detto? Sono bazzecole. Il nostro sodalizio si è rotto ma cosa vuol dire? Ci sono persone che rimangono insieme per tutta la vita e poi si separano. Ci siamo separati professionalmente. Umanamente mi manca, professionalmente forse, non lo so. Ancora un film insieme? Meglio che non ne parliamo, ormai sono discorsi buttati al vento. Non lo so, ma ormai sono dieci anni che ci siamo separati e ancora parliamo questa cosa?”.

Boldi ha inoltre difeso il termine e il significato di cinepanettone: “E’ diventato di gergo comune, significa anche film per un pubblico di massa. E io ho sempre fatto cinema popolare, è una cosa a cui tengo moltissimo: voglio far divertire tutti”.

Per il film, in uscita, Un Natale al Sud, Massimo Boldi si è documentato riguardo le app che permettono di incontrare e conoscere nuove persone. Il comico, quindi, si è iscritto a Tinder con risultati tragicomici: “Quando abbiamo pensato al film, mi sono iscritto a Tinder. Dopo due ore mi sono dovuto cancellare. Sono arrivare delle richieste terribili, di tutti i tipi: donne, ma anche uomini, che mi volevano incontrare”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Mattia Briga risponde alle accuse ricevute con un simpatico video postato sul web

Negli ultimi giorni il giovane rapper classificatosi secondo al talent show di…

Un posto al sole anticipazioni, la soap non va in vacanza

Roberto Ferri è sempre più in affanno perché non riesce in alcun…