Laura Pausini porta la sua musica di Natale a Disneyland

Quest’anno l’atmosfera natalizia sembra arrivata con netto anticipo, e molto del merito è anche di Laura Pausini: da qualche giorno infatti è uscito “Laura XMas”, disco in cui la brava cantante reinterpreta le canzoni più belle di Natale, quelle che l’hanno accompagnata nella sua crescita e che ama ascoltare oltre che intonare.

La Pausini ha presentato anche in Francia la sua ultima fatica discografica: a Parigi Laura è stata prima protagonista della cerimonia di illuminazione dell’albero di Natale e tra Topolino e Minnie ha deliziato gli ospiti con “Santa Claus is coming to town” poi, come una vera principessa, è arrivata su una carrozza trainata da cavalli bianchi (il calesse di Frozen), e ha intonato le melodie natalizie insieme a Topolino, Pippo e soldatini ballerini.

Laura XMAS, uscito per Atlantic-Warner Music il 4 novembre e – distribuito in oltre 60 Paesi – già disco d’oro, è un disco che piace proprio a tutti, se non altro perché serve ad esorcizzare le paure che in questo periodo certo non mancano: «Allontaniamo anche fosse per poco i pensieri tristi».

“Sono tornata a Disneyland dopo un anno – spiega la Pausini a TgCom24- Lo scorso Natale ero nel parco Disneyland di Orlando e per la prima volta ho passato le feste lontano dalla famiglia. Mia figlia in qualche modo ha quindi stimolato questo lavoro. Era dal 1996 che volevo realizzare questo album ma non riuscivo mai a convincere la casa discografica. Stavolta ce l’ho fatta unendo due progetti che avevo in mente, le canzoni di Natale con un arrangiamento che va verso il classico e lo swing”.

Il regalo di Natale che mai darebbe via? «Me lo sono fatta da sola: una cavigliera sottile, la volta che mi si è rotta mi è scomparsa la voce. Io in queste cose ci credo», racconta invece a Vanity Fair.

Next Post

Massimo Boldi: umanamente mi manca De Sica

Naturalmente non è scomparso dagli schermi televisivi e cinematografici, e come ogni anno, tra pochi giorni, lo rivedremo sugli schermi col suo classico cine-panettone, ma possiamo candidamente ammettere che da quando si è rotto il sodalizio con Christian De Sica non è più la stessa cosa. E lo stesso Massimo […]