Mattarella, coesione e non aspre tensioni tra partiti

Le ore all’indomani delle elezioni sono sempre quelle in cui avvampa la polemica: non solo dispute tra vincitori e vinti, ma soprattutto la consapevolezza che i nostri avi sono morti sul campo di battaglia per conquistare il diritto al voto, e noi lo sprechiamo latitando spesso e volentieri dalle urne.

Sull’astensionismo molto radicato, negli ultimi anni, ma soprattutto in queste ultime regionali dove i restanti sono stati in pratica solo la metà, si è espresso il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «Le discussioni, la dialettica anche acuta, sono preziose, ma le liti esasperate creano sfiducia, contribuiscono a creare sfiducia e allontanano la partecipazione dei cittadini», ha detto al termine di un concerto di Riccardo Muti nel salone dei Corazzieri del Quirinale.

Per il presidente è la litigiosità dei partiti a contribuire ad allontanare la gente comune dalla politica e quindi dalla pratica del voto. In Italia “occorre più coesione – continua il presidente – serve maggiore solidarietà: è questo il messaggio del 2 giugno”.

Mattarella ha anche espresso il desiderio di raggiungere una collaborazione politica che non si limiti ai confini nazionali: “l’armonia – spiega – andrebbe respirata anche in ambito internazionale. Ci sono minacce nuove, fenomeni che allarmano: terrorismo fondamentalista, ondate migratorie incontrollate, inquinamento globale. Sfide che nessun Paese può risolvere da solo. L’isolamento provoca paura. Occorre più solidarietà, una politica di ampia collaborazione”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Big snow non abbandona l’Italia

Maltempo con tanta neve al Nord,ancora disagi su strade e ferrovie, il…

Il premier Conte si fa “beccare” a colloquio con la Merkel

Lega e 5Stelle non sanno essere molto diplomatici, diciamocela tutta: con la…