Milano, razzismo anche contro chi adotta un “nero”

Si comincia col chiudere i porti, con l’affermare che “bisogna aiutarli” ma “a casa loro” e si finisce con l’essere vittime di atti violenti ed intimidatori se si sceglie di essere tollerante e generoso, aiutando chi è in difficoltà ed ha la pelle nera.

La brutta storia odierna viene da Melegnano, paese in provincia della civilissima Milano, ed a raccontarla per primo, prima che la news rimbalzasse di media in media, è stato “Il Cittadino”.

A quanto pare una famiglia di questo paesotto si è vista il cortile di casa devastata da scritte razziste e xenofobe. La loro colpa? Adottare un ragazzo di colore, originario del Senegal.

“Le due scritte sono state impresse a spray sul muro dell’androne di casa nostra, nel cortile interno.

Le parole che abbiamo letto sono ‘Italiani=m.’ e ‘Pagate per questi negri di m.’, ha raccontato Angela Bedoni, proprietaria di casa e madre affidatario del ragazzo, che ha 21 anni, è un atleta dell’Atletica leggera Melegnano e l’anno scorso e due anni fa ha già vinto i campionati nazionali di atletica del Centro sportivo italiano.

“Non ci sono dubbi sul fatto che quelle scritte fossero rivolte a noi – ha poi spiegato – perché accanto alla seconda frase è stata impressa una freccia che indicava esattamente la nostra abitazione.

Ora vorrei solo guardare negli occhi chi ha scritto queste cose. Li invito a parlarmi. Mio padre, dopo essere stato partigiano, fondò gli Scout qui nel sud di Milano. Ci insegnò valori ben lontani da gesti simili”.

Mentre molte personalità politiche hanno già preso le distanze dal gesto, è stata sporta denuncia per trovare gli autore del vile gesto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Chiara Appendino candidata M5S a Torino

Chiara Appendino sarà la prossima candidata M5S alle elezioni comunali di Torino.…

Napoli, donna muore tra le fiamme provocate da sigaretta

E’ successo nel centro storico di Napoli, precisamente tra via Chiaia e…