Mistress America, la commedia dolce e crudele di Noah Baumbach

Eleonora Gitto

Mistress America, la commedia dolce e crudele di Noah Baumbach, arriva nelle sale italiane il 14 aprile.

Noah Baumbach, forte del suo stile inconfondibile, continua a raccontarci storie legate al cambiamento delle giovani donne di oggi.

In “Mistress America”, la carta vincente forse è proprio la collaborazione artistica tra il regista e la sua compagna, nonché musa ispiratrice, Greta Gerwig.

Questo connubio ci regala ancora una volta un film intelligente, vitale, tenero, crudele e, perciò, molto divertente.

Gerwig che interpreta Brooke, in questo film ha un ruolo di co-protagonista con Lola Kirke che interpreta Tracy.

Brooke è una trentenne vulcanica e spumeggiante, mentre Tracy è una matricola al college di Barnard.

La prima si divide fra amici, gruppo rock e un corso spinning.

La seconda, invece, si ritrova a fare i conti con una serie di delusioni: New York, la metropoli tanto sognata, non è come si aspettava; in ambito accademico le cose non vanno meglio e sentimentalmente va ancora peggio.

Tracy decide di seguire il consiglio materno di un colpo di telefono alla futura sorellastra Brooke.

Per la studentessa depressa, l’incontro con Brooke è una svolta. Non solo finalmente inizia a divertirsi nella Grande Mela ma tutto ciò che fino a quel momento era motivo di delusione, si trasforma in energia, ispirazione e consapevolezza.

Brooke travolge Tracy con la sua vitalità. Come un ciclone trascina la sorellastra in un vortice di divertimento.

Ma non sempre è oro ciò che luccica perché quel turbinio serve solo a nascondere la grande fragilità di Brooke.

Mistress America è un film sull’amicizia femminile? Anche. Ma al centro ci sono le ansie, le ambizioni, le aspettative di due donne che devono fare i conti, fra l’altro, con l’inesorabile scorrere del tempo.

Con Greta Gerwig e Lola Kirke nel cast anche Heather Lind, Michael Chernus, Cindy Cheung, Rebecca Henderson, Shana Dowdeswell, Rob Yang, Amy Warren, Juliet Brett, Matthew Shear, Jasmine Cephas Jones, Seth Barrish, Andrea Chen, Kathryn Erbe, Joel Marsh Garland e Charlie Gillette.

Next Post

Oracle VS Google ''ha copiato Java'' e chiede 9mld di dollari

Oracle passa di nuovo all’attacco e accusa il colosso Google della presunta violazione della proprietà intellettuale legata alle API di Java, trascinando BigG ad un nuovo tribunale e richiedendo il risarcimento dei danni per 9,3 miliardi di dollari. La tecnologia Java, come precisa la stessa Oracle, è “open source“, ovvero […]