Napoli, dopo le formiche negli ospedali arrivano le blatte

Prima le formiche, ora le blatte: non c’è pace per gli ospedali napoletani che, a quanto pare, oltre al sovraffollamento, devono fare i conti con gravissimi problemi di igiene.
Le foto di pazienti ricoperti di formiche, in due diversi occasioni, avevano già fatto il giro di tutti i media settimane fa, ma in queste ore è arrivato un nuovo video a scandalizzare.

“Mi è stato segnalato un video, realizzato martedì sera, in cui si nota una colonia di blatte infestare un intero locale dell’ospedale Vecchio Pellegrini. Ho già sollecitato il direttore sanitario Corvino. Mi ha detto di avere allertato i Nas e che, a suo avviso, si tratta di un sabotaggio”, ha scritto sui social il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità della Campania, Francesco Emilio Borrelli, allegando il video incriminato.

“Se tale tesi fosse verificata – spiega il consigliere – saremmo di fronte a un fatto estremamente inquietante, da chiarire attraverso un’indagine giudiziaria. Significherebbe l’esistenza di un disegno preciso per screditare e mortificare la sanità in Campania. Qualora, invece, si trattasse di un’infestazione dovuta a negligenza saremmo di fronte ad un fatto altrettanto grave, con responsabilità che andrebbero punite con la massima severità. Al di là delle eventuali indagini giudiziarie, abbiamo chiesto l’avvio di un’inchiesta interna e la bonifica dei locali. Sabotaggio o meno, occorre sanificare l’area”.

Le immagini però non convincono, e a quanto pare, da alcune indiscrezioni, sembra che i Nas non abbiano trovato nulla.
Proprio per questo la direttrice sanitaria, Mariella Corvino, ha sporto denuncia al nucleo Nas dei carabinieri per sabotaggio, una tesi che dopo le formiche al San Giovanni Bosco e al San Paolo sembra confermarsi come la più concreta.

Next Post

Reggio Emilia: nascondeva in casa il cadavere della madre

Un dramma della follia? Della disperazione? Della solitudine? Difficile dirlo ora, ma di certo la storia che in queste ore arriva da Reggio Emilia è a dir poco inquietante. Tutto si è svolto a Cadelbosco Sopra, in un appartamento in via Gabella 6: qui gli inquirenti hanno trovato il cadavere […]
Reggio Emilia nascondeva in casa il cadavere della madre