Napoli, prova a fingere il suicidio su Facebook e quasi ci riesce
Napoli, prova a fingere il suicidio su Facebook e quasi ci riesce

Napoli, prova a fingere il suicidio su Facebook e quasi ci riesce.

Per postare una foto scioccante su Facebook, un ragazzino simula un’impiccagione.

Il bello, o il brutto, è che quasi ci riesce, perché il tredicenne si trova ora in coma all’ospedale San Giuliano di Giugliano.

A fotografarlo è stato il cuginetto, col quale evidentemente aveva messo su quel gioco terribile.

Tutto questo è avvenuto intorno alle ore 20.00 a Mugnano, in un appartamento di Via Crispi.

La zia del ragazzino è intervenuta prontamente, ed è riuscita a liberarlo dal cappio. La donna ha chiamato subito il 118, quindi la corsa in ospedale. Le condizioni sono ancora gravi.

L’assurdità si è consumata nel bagno. I ragazzini entrano, e quello più grande stringe la cintura dell’accappatoio al proprio collo, quindi assicura la cintura al gancio per la biancheria che si trova in alto.

La foto viene scattata dal più piccolo, ma nel frattempo il tredicenne non riesce a liberarsi dal cappio.

Il piccolo tenta di aiutarlo ma non ce la fa. Le grida attirano l’attenzione della zia che corre subito a liberare il ragazzino.

Per una foto, per uno scherzo, comunque vadano le cose, si è consumata una tragedia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Reggio: Ciclista travolto sulla statale 106

La statale della morte, la SS 106 è ormai teatro di incidenti…

Messina, 90 enne derubata e poi violentata da due minorenni

La violenza non è mai giustificabile, ai danni di chiunque sia commessa,…