Nobel 2015, il premio per la Fisica a Kajita e B. McDonald
Nobel 2015, il premio per la Fisica a Kajita e B. McDonald

Al giapponese Takaaki Kajita e al canadese Arthur B. McDonald va il Premio Nobel per la Fisica 2015.

I due scienziati hanno meritato il prestigioso riconoscimento per una scoperta inerente ai neutrini: sono stati Kajita e B. McDonald a scoprire che anche queste particelle hanno una massa.

Mentre nell’esperimento Super-Kamiokande eseguito all’Università di Tokio, Takaaki Kajita scopriva che i neutrini presenti nell’atmosfera cambiano identità, in Canada con l’esperimento Sudbury Neutrino Observatory Collaboration, Arthur B. McDonald dimostrava che i neutrini provenienti dal Sole non scompaiono durante il percorso verso la Terra, ma assumono un’identità diversa.

Non c’è dubbio che i due scienziati vincitori del Nobel per la Fisica 2015, abbiano trovato la chiave per scoprire la “metamorfosi dei neutrini”.

Oggi, grazie a loro si sa che i tre tipi di neutrini che esistono in natura, possono cambiare identità scambiandosela fra loro.

Per il Comitato Nobel norvegese la scoperta è sensazionale perché dà una nuova chiave di lettura dell’universo.

Il presidente dell’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Fernando Ferroni ha detto che mai Premio Nobel fu più meritato, poi a proposito dei neutrini spiega che queste particelle misteriose “sono strutturalmente diverse da tutte le altre particelle che conosciamo e potrebbero essere la porta su una nuova fisica”.

Kajita e McDonald hanno saputo dimostrare la capacità dei neutrini di trasformarsi da un tipo in un altro e che hanno quindi una massa.

“Con questa scoperta – afferma Ferroni – Kajita e McDonald hanno portato alla luce l’unico neo del Modello Standard”.

Il modello standard di cui parla Ferroni è la teoria secondo la quale i neutrini non hanno alcuna massa.

Loading...
Potrebbero interessarti

App Store, novità imminenti

Il colosso Apple ha impiegato un team di ben 100 persone per…

Scienziati scoprono un enorme buco nero vicino alla Terra

Un enorme buco nero, quattro volte più grande del Sole, è stato…