Nuova Super Terra scoperta potrebbe ospitare vita aliena

Redazione

Gli scienziati hanno individuato un pianeta che potrebbe fornire loro l’opportunità di studiare l’atmosfera di un mondo alieno simile alla Terra.

Si pensa che la super-Terra – che viene chiamata Gliese 486 b – potrebbe contenere la chiave per trovare la vita extraterrestre.

Gli astronomi del consorzio CARMENES, hanno pubblicato un nuovo studio guidato da Trifon Trifonov del Max Planck Institute for Astronomy, che riporta la scoperta di una super-Terra rocciosa calda in orbita attorno alla vicina stella nana rossa Gliese 486.

Nuova Super Terra scoperta potrebbe ospitare vita aliena

Secondo il Max Planck Institute for Astronomy, la vicinanza di questo esopianeta è eccitante perché sarà possibile studiarlo più in dettaglio con potenti telescopi come il prossimo James Webb Space Telescope e il futuro Extremely Large Telescope.

Secondo i rapporti, si ritiene che il pianeta sia fatto di roccia e si pensa che abbia un nucleo metallico, proprio come la Terra.

Trifon Trifonov ha spiegato: “La vicinanza di questo esopianeta è eccitante perché sarà possibile studiarlo più in dettaglio con potenti telescopi come il prossimo James Webb Space Telescope e il futuro Extremely Large Telescopes“.

Il pianeta appena scoperto è una super-Terra con una massa 2,8 volte quella del nostro pianeta natale. È anche il 30 percento più grande della Terra.

Gliese 486 b ruota attorno alla sua stella ospite su una traiettoria circolare entro 1,5 giorni e ad una distanza di 2,5 milioni di chilometri. Una rotazione richiede la stessa quantità di tempo, quindi un lato è sempre rivolto verso la stella. Sebbene la stella Gliese 486 sia molto più debole e più fredda del Sole, l’irradiazione è così intensa che la superficie del pianeta si riscalda fino ad almeno 700 Kelvin (circa 430° C). Abbastanza caldo, allora.

José A. Caballero del Centro de Astrobiología (CSIC-INTA, Spagna) e coautore dell’articolo ha dichiarato: “La scoperta di Gliese 486b è stata un colpo di fortuna. Cento gradi più calda e l’intera superficie del pianeta sarebbe lava. La sua atmosfera sarebbe costituita da rocce vaporizzate” .

D’altra parte, se Gliese 486b fosse stato cento gradi più freddo, non sarebbe stato adatto per le osservazioni di follow-up.

Caballero ha aggiunto: “Tutto ciò che apprendiamo con l’atmosfera di Gliese 486 be altri pianeti simili alla Terra sarà applicato, entro pochi decenni, alla rilevazione di biomarcatori o firme biologiche: caratteristiche spettrali sulle atmosfere di esopianeti che possono essere ascritte solo alla vita extraterrestre“.

Next Post

Cosa fare quando non si resta incinta

Per le coppie che desiderano una gravidanza, ci sono misure che sia le donne che gli uomini possono intraprendere per aumentare le loro possibilità di concepire un bambino. Gli uomini vogliono figli biologici e la maternità surrogata, insieme alla fecondazione in vitro (IVF), promette un metodo con il quale è […]
Cosa fare quando non si resta incinta