Oumuamua, la roccia spaziale segno di vita intelligente

Redazione

L’astrobiologo Avi Loeb ha una teoria secondo la quale la misteriosa roccia a forma di sigaro rilevata all’interno della Via Lattea è una “vela” progettata da una sorta di civiltà aliena.

Il professore di Harvard che crede che la roccia spaziale “Oumuamua” sia “il primo segno di vita intelligente” oltre la Terra ha una nuova teoria sul mistero dello spazio in particolare sul motivo per cui è convinto che sia stato costruito da qualcuno.

Oumuamua, stimato in 200 metri di diametro, è il primo oggetto interstellare mai trovato nella Via Lattea ed è stato avvistato per la prima volta nel 2017 dal telescopio Pan-STARRS1 dell’Università delle Hawaii mentre cercava comete e asteroidi.

La lunga roccia a forma di sigaro è stata osservata dagli esperti mentre girava e accelerava a una velocità fenomenale, nota come “accelerazione non gravitazionale“, con alcuni scienziati perplessi sul perché.

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che Oumuamua è probabilmente un nuovo tipo di cometa spinta da un meccanismo che semplicemente non capiamo ancora.

Oumuamua la roccia segno di vita intelligente
foto@Wikimedia

Ma l’astrobiologo Avi Loeb, professore di scienze Frank J Baird all’Università di Harvard, ha una visione completamente diversa.

Crede che la roccia sia il primo segno di vita intelligente al di fuori del nostro pianeta, ed è un segno che una civiltà in viaggio nello spazio sta esplorando, o ha esplorato una volta, l’universo.

Sebbene provenisse dall’esterno del sistema solare, l’ipotesi iniziale era che sarebbe risultata essere come una cometa del nostro sistema solare“, ha detto al South China Morning Post.

Ma una cometa lascia una scia di gas dietro di sé e non c’era niente del genere dietro ‘Oumuamua. Quindi chiaramente non era una cometa.

Ha aggiunto: “Allora la gente ha detto che probabilmente era un asteroide, solo una roccia. Il problema era che ‘Oumuamua mostrava una spinta extra dal sole“.

Nel caso delle comete, quella spinta è fornita da un effetto razzo causato dall’evaporazione dei gas. Ma non c’erano tali gas evaporanti emessi da ‘Oumuamua. Quindi la domanda è: cosa ha dato a’ Oumuamua questa spinta in più?

Il professor Loeb ha dedotto che la roccia è una “vela” spinta nello spazio dai fotoni, e le vele (usate dagli scienziati sulla Terra) devono essere costruite in quanto non sono presenti in natura.

“‘Oumuamua ha mostrato una spinta senza coda dietro l’oggetto e senza gas, e l’unica cosa a cui potevo pensare che potesse spingerlo è il riflesso della luce solare“, ha detto.

Una vela solare riflette la luce ed è spinta da essa, proprio come la vela di una barca riflette il vento. Quella era l’unica cosa a cui riuscivo a pensare che gli avrebbe dato quella spinta. Ho cominciato a pensare che probabilmente era stato creato da una civiltà intelligente.

Il professor Loeb elabora la sua teoria nel suo nuovo libro Extraterrestrial: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth, e riconosce che le sue convinzioni lo rendono un outsider nel suo campo.

Next Post

Ex pugile rivela: La terra è piatta, ecco il perchè

L’ex campione del mondo di boxe Carl Froch ha affermato che la Terra è piatta e la NASA è in realtà un “falso” che fa parte di una teoria del complotto incentrata sullo spazio. Froch, 43 anni, ex pugile di origini inglese soprannominato “Il Cobra”, crede che il nostro pianeta […]
Ex pugile rivela La terra piatta ecco il perche