Palermo, grande clamore per il convegno dei “Terrapiattisti”

Redazione

Chiunque, con un minimo di conoscenza della scienza, sa che è altamente improbabile che tutti gli strumenti di osservazione inventati negli ultimi secolo si siano sbagliati nel rappresentare la Terra, come è altrettanto improbabile che ci sia una qualche macchinazione, orchestrata a livello mondiale, per nascondere al mondo la reale forma del pianeta su cui viviamo.

Eppure c’è chi ci crede, i cosiddetti Terrapiattisti, che si sono riuniti in un bizzarro convegno a Palermo, da cui urlano la loro personale verità, a dir poco discutibile.

Queste persone non sono solo convinte che la Terra è piatta, come suggerisce il loro stesso nome, ma anche che le immagini della Nasa sono tutte finte o ritoccate, che lo sbarco sulla Luna è una bugia, che gli astronauti sono abili attori, che a protezione del disco terrestre ci sono montagne di ghiaccio color smeraldo alte quattrocento chilometri sorvegliate da guardiani millenari.

Al convegno che si terrà oggi è atteso anche Beppe Grillo, che aveva annunciato la sua presenza dichiarando: “Voglio stare in mezzo ad un po’ di cervelli che non scappano davanti a nulla, nessun pregiudizio, nessuna legge della fisica è definitiva”.
Tre degli organizzatori, Calogero Greco, Albino Galuppini e Agostino Favari, hanno presentato l’evento ai giornalisti è all’unisono hanno gridato che “La forza di gravità non esiste”.

La prova, sostengono, “è data dal fatto che l’acqua che non può curvare, non può stare su un cilindro”.

Per dimostrarlo, Calogelo prende in mano una bottiglia di acqua. La gira e spiega: “La prova che la terra è piatta è in una bottiglia piena, basta metterla in orizzontale per accorgersi che l’acqua non si curva mai. Più chiaro di così”.

Favari aggiunge: “Per quanto riguarda la circumnavigazione di Magellano è avvenuta la seguente cosa. Nel momento in cui si parte per la circumnavigazione, la bussola segnerà con il Nord il Polo Nord. Dovete cambiare quello che ci hanno detto finora, cioè che nella sfera ci sia il campo magnetico che esce da sopra ed entra da sotto”.

Next Post

Apocalisse: potrebbe arrivare con una cometa, lo rivela uno scienziato

L’Umanità avrebbe un preavviso relativamente corto se una cometa si dirigesse verso la Terra in una collisione apocalittica, questa la rivelazione di uno scienziato. Lo scienziato e scrittore di Astrobiology, Lewis Dartnell, ha avvertito che eventuali comete potrebbero rappresentare una minaccia più elevata contro la civiltà rispetto a quella di […]
Apocalisse potrebbe arrivare con una cometa lo rivela uno scienziato