Paola Turci ripercorre il terribile incidente del 1993

Sono passati oltre vent’anni, ma non solo i ricordi sono indelebili, ma anche i segni sul corpo e le cicatrici di un evento che le ha condizionato e cambiato per sempre la vita.

Nella scorsa puntata di Domenica Live, intervistata da Barbara D’Urso, Paola Turci ha ripercorso i momenti più bui della sua vita, e in particolare il terribile incidente di cui è stata vittima nel 1993, quando ha perso il controllo della sua auto.

La cantante era alla guida sulla Salerno-Reggio Calabria, per recarsi ad un concerto.

All’origine dell’incidente ci sarebbe stata una distrazione: “A un certo punto – ha detto la cantante – ho guardato il telefono, avevo chiamato tutti quel giorno. Ma il telefono si spegneva spesso, quindi ho guardato la presa, che era staccata, ho provato a rimetterla, e invece che guardare la strada mi sono distratta. Il mio tour manager ha urlato: ‘Attenta!’. Ho visto il guardrail che stavo per sfiorare, ho sterzato immediatamente, a destra ho visto un fosso ma non c’era il guardrail. Non andavo veloce, ero a 120. Ho pensato: vado a sinistra e faccio sbattere la macchina al guardrail, si fermerà. Invece la macchina non si è fermata. Nell’impatto ho chiuso gli occhi e lì è successo tutto, la macchina si è accartocciata, e poi ha cappottato. Non ho più aperto gli occhi, sono rimasta dentro la macchina e ho capito immediatamente cos’era successo”.

“Mi sentivo la faccia aperta, come il telefono della doccia, quando esce l’acqua – ha ricordato ancora – avevo questi zampilli in orizzontale, sentivo questa sensazione e mi sono detta subito ‘Calmati, questa situazione va presa con calma’. Sentire la faccia aperta e il sangue è stata una sensazione surreale, inimmaginabile. Lì c’era il delirio, tutte le cartoline con il mio nome e cognome, che erano in auto, si sono sparse sulla strada. Era il 15 agosto, passava poca gente, ma ha cominciato a fermarsi. Io non vedevo nulla ma sentivo le urla delle persone: Paola Turci, Paola Turci”.

“Per due anni hanno continuato a togliermi vetri dalla faccia” spiega con una grande forza d’animo Paola, che ha subito 13 operazioni, di cui 12 per salvare l’occhio destro con oltre 100 punti di sutura.

Loading...
Potrebbero interessarti

Rossella Brescia non abbandona il desiderio di maternità

Bella forse più di quando aveva vent’anni, grazie anche al fascino acquisito…

Nino Frassica: differenza d’età, non è un problema

La notizia era stata lanciata lo scorso dicembre: Nino Frassica, 66 anni, era…