Papa Francesco parla nell’ultima udienza dell’anno

In questo fine d’anno, Papa Francesco durante la sua ultima udienza ha voluto lanciare ancora una volta il suo messaggio di pace, un messaggio che con le sue azioni ha portato per il mondo giorno dopo giorno.

L’ultima udienza del 2015 è stata dedicata al presepe e in particolare al Bambino Gesù come immagine del mistero di Dio. “Sono sicuro – ha detto il Papa – che nelle nostre case ancora tante famiglie hanno fatto il presepe portando avanti questa bella tradizione che risale a san Francesco d’Assisi e mantiene vivo nei nostri cuori il mistero di Dio che si fa uomo”.

Il Papa ha poi pregato «per le vittime delle calamità che in questi giorni hanno colpito gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’America del Sud, specialmente il Paraguay, causando purtroppo vittime, molti sfollati e ingenti danni. Il Signore dia conforto a quelle popolazioni, e la solidarietà fraterna li soccorra nelle loro necessità».

“La devozione a Gesù Bambino – ha quindi osservato il Papa – è molto diffusa. Tanti santi e sante l’hanno coltivata nella loro preghiera quotidiana, e hanno desiderato modellare la loro vita su quella di Gesù Bambino. Penso, in particolare a santa Teresa di Lisieux, che come monaca carmelitana ha portato il nome di Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo. Lei, che è anche Dottore della Chiesa, ha saputo vivere e testimoniare quell”infanzia spirituale’ che si assimila proprio meditando, alla scuola della Vergine Maria, l’umiltà di Dio che per noi si è fatto piccolo”.

Il suggerimento di Papa Francesco è stato quindi questo: “Per capire Dio che si è fatto bambino dobbiamo guardare ai bambini”.

Next Post

Il capodanno di Rai Uno sarà in diretta da Matera

Stasera diremo addio a questo 2015 e nelle principali piazze italiane sono stati organizzati concerti e eventi di vario genere per salutare l’arrivo del nuovo anno. Per chi non può scendere in piazza, o vuole evitare il freddo pungente della notte, può tranquillamente accendere la televisione: se la Mediaset trasmetterà […]