Parrucchiera arrestata, aveva aperto durante la quarantena

Redazione

Un parrucchiere è stato arrestato e trattenuto sette giorni dopo aver aperto la sua attività durante il blocco del coronavirus .

Negli Stati Uniti non si scherza, Shelly Luther, che è proprietaria del Salon la Mode di Dallas, in Texas, non ha voluto neanche chiedere scusa per aver tenuto aperta la sua attività in violazione delle regole di lockdown dello stato e ha rifiutato un’offerta del giudice durante il processo.

Le è stato detto che se avesse chiesto scusa per aver lavorato durante il periodo di quarantena del coronavirus, non avrebbe dovuto scontare alcuna pena, ma, quando le è stato chiesto di ammettere il suo enorme errore, ha risposto: “Non sono d’accordo con lei, signore“.

La donna ha continuato: “Dare da mangiare ai miei figli non è una forma di egoismo“.

Quindi signore, se pensate che la legge sia più importante dei bambini che vengono nutriti, per favore andate avanti con la vostra decisione, ma non ho intenzione di chiudere il salone.

Fermo e carcere per una settimana per la donna che ha continuano a gestire la sua attività.

Quindi, il giudice ha preso la decisione. L’ha condannata a sette giorni di prigione, che rappresentavano il periodo di tempo in cui ha continuato a gestire la sua attività nonostante gli ordini di blocco messi in atto per fermare la diffusione del virus.

Secondo quanto riferito, alla donna è stato detto di chiudere il suo salone il 22 marzo, ma poi è stato riaperto al pubblico il 24 aprile nonostante gli ordini di lockdown.

I suoi avvocati avevano sostenuto che aveva gestito il salone secondo i protocolli di sicurezza e aveva portato solo una manciata di impiegati, mentre normalmente aveva 19 dipendenti.

Il giudice ha dichiarato che “lo stato di diritto non può e non funziona quando gli individui si assumono la responsabilità di decidere“.

Next Post

Tunguska nuove teorie: il meteorite è tornato nello spazio?

Di recente gli scienziati, nella pubblicazione “Notifiche mensili della Royal Astronomical Society“, hanno presentato conclusioni sorprendenti sul possibile “destino” del meteorite Tunguska, che ha entusiasmato non solo gli abitanti della Siberia il 30 giugno 1908, ma tutto il mondo. L’esplosione si è rivelata così forte che 2150 metri quadrati. km di […]
Tunguska nuove teorie il meteorite tornato nello spazio