Passaporto per coronavirus, il futuro dei viaggi
Passaporto per coronavirus il futuro dei viaggi

Da Londra arriva la prima “visione futuristica“, del dopo virus, che prevede entro il prossimo anno, i viaggi internazionali di nuovo possibili, ma l’ingresso in altri paesi dipenderà dallo stato personale di coronavirus.

Il mondo potrebbe vedere un nuovo sistema di passaporto basato sulle infezioni con solo quelli immuni al coronavirus autorizzati a viaggiare.

Covid-19 si è diffuso con una velocità terrificante in tutto il mondo negli ultimi mesi, costringendo le nazioni a sigillare i loro confini e mettendo in grave pericolo l’ industria del turismo.

Anche una volta che ogni nazione riuscirà a contenere il proprio focolaio, viaggiare in altri paesi sarà estremamente difficile in quanto potrebbero avere ancora casi di contagi che potrebbero causare una seconda ondata di trasmissione.

Il futurista londinese ed ex leader del settore smartphone David Wood, crede che l’unica soluzione sia un sistema di passaporto completamente nuovo basato sullo stato di salute delle persone.

I passaporti indicherebbero se il viaggiatore ha uno “stato o immunità infetti” e l’ingresso in determinati paesi sarebbe limitato a coloro che hanno già avuto il coronavirus e sviluppato un’immunità.

La Corea del Sud può già identificare lo stato di salute delle persone, che è una delle ragioni per cui hanno controllato meglio il loro focolaio“, ha dichiarato Wood a Daily Star Online.

Un passaporto con le informazioni sul proprio stato di salute, il futuro dei viaggi?

La Corea del Sud si è rapidamente sbarazzata del suo focolaio di coronavirus, attraverso test di massa e un sistema medico centralizzato in grado di condividere informazioni sui pazienti, altrimenti ritenute confidenziali.

Il governo ha persino usato gli messaggi telefonici per avvisare le persone se si trovavano nelle vicinanze di qualcuno che era risultato positivo.

Wood suggerisce che un’app simile potrebbe essere utile, in grado di avvisare le persone se si avvicinano troppo a una persona infetta.

È un’intrusione sulla libertà, ma è efficace“, ha detto. “Dobbiamo capire l’equilibrio tra salute e privacy“.

Suggerisce che tale app dovrebbe usare “l’apprendimento federato“, il che significa che le informazioni sensibili relative alla salute sono decentralizzate e rimangono sui dispositivi delle persone per mantenere la privacy.

Qualsiasi nuova tecnologia o sistema deve andare di pari passo con un aumento dei test per capire perché ci sono stati alcuni casi di coronavirus ricorrenti nei pazienti dopo il loro recupero.

Mentre questo potrebbe essere dovuto a falsi positivi che creano l’impressione che il virus sia tornato, potrebbe anche essere che ci siano ceppi mutati di Covid-19.

Qualcuno che è sopravvissuto a un ceppo potrebbe non essere immune ad un ceppo diverso, il che complicherebbe le attuali strategie basate sull’immunità come il sistema di passaporto proposto da Wood.

C’è molto lavoro da fare e i paesi devono imparare gli uni dagli altri“, ha affermato Wood.

Loading...
Potrebbero interessarti

Mamma regala tshirt alla figlia, ma c’è disegnata un’orgia

Evidentemente nel disegno della maglietta in realtà non era ben visibile cosa…

Anno bisestile, la teoria dei 300 anni persi

Il giorno 29 febbraio, ha riacceso l’interesse per una bizzarra teoria che…