Polonia, annullata l’asta per vendere il campo di sterminio di Belzec

I ricordi non sono in vendita: questo in soldoni quello che le migliaia di manifestanti hanno gridato nelle scorse settimane in Polonia, e per fortuna alla fine l’hanno avuta vinta.

Anche perché i ricordi in questione sono di quelli terribili, di quelli che non bisogna cancellare per non ripetere gli stessi errori: al centro della vicenda c’è infatti il campo di sterminio nazista di Belzec, dove furono uccisi centinaia di migliaia di uomini, in massima parte ebrei.

Aperto nel 1942 e in gran parte distrutto prima di fuggire nel 1943, dagli stessi uomini delle SS Sonderkommando, Belzec fu uno dei primi campi esclusivamente di sterminio eretti dai nazisti, secondo in ordine cronologico a quello di Chelmno: l’attuale proprietario del terreno dove è eretto sono le ferrovie dello stato polacche, che nelle scorse settimane avevano deciso di metterlo all’asta. Base d’asta, appena 39mila euro.

“Facciamo appello all’Unione Europea e in particolare a Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, perché sia impedito lo smantellamento di questo luogo di memoria”, hanno manifestato per giorni i membri dell’ANED, l’Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti, per salvare l’edificio.

E alla fine l’hanno avuta vinta: le stesse Ferrovie, PKP S.A., scrivono di aver annullato la gara «per mancanza di interesse. In accordo con il Museo di Stato di Majdanek e il comune di Belzec che penseranno ad una nuova destinazione d’uso per l’immobile in oggetto».

Next Post

Pes 2016, Neymar e Totti nel teaser Trailer di Konami

I milioni di fans sparsi in ogni parte del mondo la attendono con ansia, e puntuale a breve sarà presentato: venerdì 12 giugno Pro Evolution Soccer 2016 verrà presentato con un evento ufficiale, prima poi di essere commercializzato sul mercato in autunno. Proprio in queste ore Konami ha svelato il calciatore che troveremo […]