Pontida, arrivano gli antagonisti del Sud contro Salvini

Eleonora Gitto

A Pontida arrivano gli antagonisti del Sud contro Matteo Salvini.

Chi la fa l’aspetti. Matteo Salvini è voluto andare a tutti i costi a Napoli, anche se la Lega non c’entra niente con Napoli e col Sud, a mo’ di provocazione. E adesso arrivano i sudisti a Pontida.

Il Sindaco, colto da sacro terrore, ha deciso di chiudere praticamente la città per il 22 di Aprile.

Un atteggiamento non molto coraggioso, a dire il vero.

Alla manifestazione sembra che arrivino non solo dal Sud, ma anche da altre città del Nord.

Il Primo cittadino Luigi Carrozzi, Cuor di Leone, ha stabilito di chiudere il Centro Storico, le scuole, gli uffici, i negozi, il cimitero.

Faceva prima a non concedere il permesso per la manifestazione.

Dopo le ampolle e i riti magici, a Pontida arriva la contestazione dell’altra Italia, quella che non crede alla secessione, a Salvini, alle Lega, al razzismo e così via.

Da diversi giorni comunque la Digos di Bergamo, coordinata da Giovanni De Biase, sta mettendo a punto un piano di prevenzione contro possibili disordini.

E Salvini, di fronte a tutto ciò, che fa? Ha detto che sarà da un’altra parte: in verità nemmeno lui ha mai brillato per essere un Cuor di Leone. Lo abbiamo visto darsela a gambe più di una volta.

Next Post

Raz Degan, tutte le sue verità!

L’Isola dei Famosi si è conclusa ed ad aggiudicarsi la vittoria, in un’edizione caratterizzata da ascolti non sempre eccezionali ma da polemiche e litigi tra i naufraghi come poche volte prima, è stato Raz Degan. Il modello israeliano ha fatto un percorso tutto suo, rendendo onore quotidianamente all’isola e alla […]