Pronto a sbarcare in Europa il sistema di pagamento Samsung Pay

Per poter restare al passo in un mercato estremamente competitivo come quello degli smartphone e del mondo ad esso affine, bisogna offrire, se non di più, almeno gli stessi servizi offerti dalla concorrenza, ed è per questo che dopo Apple e Android, anche Samsung entra nel mobile payment: il 28 settembre negli USA esordirà Samsung Pay, la soluzione di pagamento Samsung tramite smartphone.

Il funzionamento del sistema di pagamento Samsung è molto semplice: una volta inseriti i dati della carta di credito da associare al device, basta avviare l’applicazione relativa, avvicinare lo smartphone al terminale in grado di riconoscere la tecnologia utilizzata (Nfc o Mst) e autorizzare il pagamento con l’impronta digitale.

Samsung Pay si differenzia da Apple Pay o Android Pay perché, oltre ad essere utilizzabile con la tecnologia Nfc ( l’acquisto avviene con l’avvicinamento del cellulare al lettore apposito), supporterà anche la tecnologia Mst, Magnetic secure transmission, che invierà un segnale al lettore simulando la ”strisciata” della carta di credito.

“Si può collocare il telefono accanto a un lettore di banda magnetica e usare il sensore per l’impronta digitale. È una sorta di sistema multiplo di autenticazione e pagamento. Una versione virtuale della carta di credito come Apple pay”, ha spiegato Lance Ulanoff, direttore di “Mashable”.

Next Post

Facebook potrebbe eliminare il carattere elitario di Live

Facebook è inarrestabile e neppure in occasione della pausa estiva ha smesso di macinare idee che potrebbero permettere al social più famoso al mondo di guadagnare ancora di più. Nello specifico, ora Facebook punta a sbaragliare concorrenti come Periscope di Twitter: da poco esordiente nel settore delle dirette video in […]