Propulsione elettrogravitica: Su Marte possibile arrivarci in 5 giorni
Propulsione elettrogravitica Su Marte possibile arrivarci in 5 giorni

Una vera e propria bomba quella legata alle teorie di uno scienziato che afferma come sia possibile viaggiare nello spazio, ed in questo caso arrivare su Marte in soli 5 giorni.

Sembra qualcosa uscito da un film di fantascienza, ma la cinetica sub-quantistica è una teoria che Thomas Townsend Brown ha trascorso gran parte della sua vita cercando di dimostrare. 

Conosciuta anche come la propulsione elettrogravitica, basata su una forza antigravità creata dall’effetto di un campo elettrico su una massa. Invece di essere una forza antigravitaria, ciò che osservava Brown è stato generalmente attribuito al movimento di particelle cariche che trasferiscono il loro momento alle particelle neutre circostanti nell’aria, fenomeno chiamato anche “deriva ionica“.

Ma per gran parte della vita di Brown, ha tentato di sviluppare dispositivi basati sulle sue idee e ora, 35 anni dopo, lo scienziato Paul Laviolette ha affermato che la teoria potrebbe essere utilizzata per catapultare letteralmente gli astronauti su Marte.

La teoria della propulsione elettrogravitica per arrivare su Marte.

Lo ha detto a George Noory durante il suo “Beyond Belied show” la scorsa settimana: “Nel mio libro, ho parlato di andare su Marte in cinque giorni, potremmo andare più veloci, non volevo che sembrasse troppo incredibile“.

I propulsori elettrocinetici di Townsend Brown e il dispositivo a ombrello hanno un grande elettrodo positivo e un piccolo negativo. Ha un isolante in mezzo, come il titanato di bario“.

Questi hanno dimostrato di produrre 70.000 newton per chilowatt, ovvero una spinta 5.000 volte maggiore per l’apporto di energia rispetto a un motore a reazione“.

Circa 300.000 volte in più rispetto al motore principale di una navetta spaziale, quindi stanno ottenendo una spinta di 300.000 volte maggiore per la quantità di energia sia chimica che elettrica rispetto alle versioni commerciali.

Il dott. Laviolette ha mappato l’aspetto di un dispositivo del genere.

Ha aggiunto: “Quindi con questo e una serie di propulsori puoi immaginare una nave come una navetta spaziale, con i propulsori accatastati, ad esempio cinque in profondità e potresti arrivare a fare il viaggio in cinque giorni. Potresti arrivare a metà strada accelerando alla massima velocità, quindi decelerare, tutto questo è possibile“.

Poi Laviolette ha anche lanciato una sorta di appello e di sfida: “Datemi 15 milioni di euro e costruirò questo, o forse anche ‘di più, ma sono sicuro che potremmo farlo“.

Il dott. Laviolette non sembrava travolto dalla grandezza delle sue affermazioni.

Ha continuato: “Hai solo bisogno di qualche chilowatt di potenza per i propulsori. Ci sono due spiegazioni, una è un elettrodo più grande nella parte superiore e uno più piccolo nella parte inferiore, quindi la carica è molto concentrata nella parte inferiore“.

Quindi è una carica positiva nella parte superiore e negativa nella parte inferiore e gli ioni negativi si allontanano dall’imbarcazione e esercitano una forza sul polo negativo“.

Questo spiega la cinetica sub-quantistica, quindi credo che il primo posto in cui verrà utilizzata la cinetica sub-quantistica è nell’ingegneria aerospaziale.

Ma per ora, dovrà rimanere una teoria, poiché viene sottoposta a controllo quando accoppiata alla fisica.

Molte affermazioni sulla validità della propulsione elettrogravitica come forza antigravitazionale ruotano attorno alla ricerca e ai video su Internet che pretendono di mostrare dispositivi a condensatore di tipo sollevatore che lavorano nel vuoto, quindi non ricevono propulsione dalla deriva ionica o dal  vento di ioni  generati nell’aria.

Byron Preiss  nel suo libro del 1985 sull’attuale scienza e sul futuro del Sistema Solare intitolato  The Planets ha  commentato che lo sviluppo della propulsione elettrogravitica, sembrava basata sul: “molto rumore per nulla, avviato da un gruppo di ingegneri che non conoscevano abbastanza la fisica“. 

Preiss ha affermato che l’elettrogravità, come l’ esobiologia , è “una scienza senza un singolo campione di studio“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sfoggia l’anello nuziale, viene sommersa di critiche per un particolare

La futura sposa non ha resistito e ha sfoggiato il suo anello…

Gatti: capiscono quando li chiami, se non rispondono ti ignorano

Ti sei mai chiesto se il tuo gatto non ti risponde perché…