Quanto costa e come funziona l’assicurazione sulla casa
Quanto costa e come funziona assicurazione sulla casa

In Italia si diffondono sempre più le assicurazioni sulla casa, con un’esigenza dilagante percepita dagli italiani di tutelare la propria abitazione. A contribuire a tutto ciò è di certo la cronaca, che continua ovviamente a proporre casi drammatici, dovuti ai terremoti verificatisi sul territorio nostrano. Interi paesi sono stati spazzati via, in altri il numero delle vittime è altissimo. Nella maggior parte comunque c’è chi ha perso tanto, se non tutto. Si pensi al disastro in Emilia di qualche anno fa, con aziende in crisi e beni privati quasi in demolizione. Soprattutto chi vive nel centro Italia è oggi terrorizzato dall’ipotesi che la natura possa scagliarsi contro il proprio stile di vita, spazzandolo via.

Una recente ricerca ha evidenziato come la ricerca di compagnie assicurative in grado di tutelare i propri immobili sia nettamente aumentata. In un solo anno, infatti, l’incremento è stato del 18%. A dimostrazione del fatto, però, che la cronaca ha un ruolo cruciale in tale processo, mutando il pensiero della gente, c’è il singolo mese di agosto.

In questo periodo, nel 2016, si è verificato il drammatico terremoto di Amatrice, che ha letteralmente terrorizzato gli italiani, con un aumento del 52% di richieste rispetto alla media. In tanti però non conoscono nel dettaglio cosa sia questo tipo di assicurazione e cosa vada a tutelare nello specifico.

Occorre fare una precisazione iniziale, come ci suggeriscono gli esperti di www.polizzecasa.net,  in merito a una suddivisione generale inerente questo tipo di assicurazioni. E’ possibile, infatti, sottoscrivere un contratto unicamente a tutela dei beni inseriti all’interno dell’abitazione, così come una a tutela della struttura. Ovvio che non è esclusa la copertura generale, ma questo è un altro discorso, chiaramente più dispendioso. E’ bene inoltre leggere attentamente i contratti proposti, dal momento che non tutte le compagnie propongono una copertura contro i danni causati da disastri ambientali. Per sapere quali sono le trovate elencate qui.  Se si cerca quindi una soluzione alla ricostruzione post terremoto, ci si potrebbe incappare in un brutte sorprese. Non basta dunque trovare una compagnia dai prezzi modici. Spesso i disastri naturali vengono annoverati ma, analizzando bene le varie clausole, ci si rende conto di alcune esclusioni.

Dagli alluvioni al terremoto. E’ bene che ognuno controlli se gli incartamenti che si hanno dinanzi facciano al proprio caso o meno. In altri casi invece, e qui l’attenzione dell’utente dev’essere massima, scandagliando ogni minima clausola in piccolo, anche se certi eventi naturali vengono coperti, esistono delle limitazioni. Può capitare infatti che vengano esclusi dal risarcimento finale quegli edifici costruiti entro 25 metri da campanili. In caso di un forte sisma infatti, le probabilità di un crollo del campanile stesso, che poi coinvolgerebbe gli edifici adiacenti, sono decisamente alte. Un rischio che molte compagnie non intendono correre. Questo è però soltanto un esempio, al quale se ne potrebbero aggiungere molti altri.

Impossibile infatti coprire con un’assicurazione una delle tante strutture costruite sulla superficie del Vesuvio, tanto per citare casi eclatanti.

Scandagliano un po’ tra i dati evidenziati dalla ricerca, diventa chiaro come la fascia più coinvolta in tale ricerca sia quella compresa tra i 35 e i 44 anni d’età, ovvero il 30% del totale della popolazione italiana. Nello specifico inoltre le regioni più attente in tal senso sono la Lombardia, il Lazio, l’Emilia Romagna e il Friuli. ‘Facile.it’ ha inoltre proposto un’intrigante simulazione in merito ai possibili costi di tali operazioni, prendendo in considerazione un immobile da 100 metri quadrati a Milano. Per riuscire a tutelarlo con un’assicurazione vantaggiosa, occorrerà pagare una rata annuale variabile tra i 240 e i 320 euro. Una variazione di prezzo che dipende dalla tipologia della struttura, che sia un appartamento o una villetta.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sky, le posizioni aperte per lavorare nell’emittente TV

Sky offre nuove opportunità di stage e lavoro. Ecco le posizioni aperte…

Affittuario: cosa deve e cosa non deve pagare

Volenti o nolenti, a tutti noi tocca pagare tutta una serie di…