Quentin Tarantino realizzerà una pellicola su Charles Manson

Ad oggi è solo un’idea ma c’è già tanta attesa attorno al progetto: dopotutto il regista è uno che non sbaglia un colpo e la storia è una delle più crude e terribili del secolo scorso, che ben si adatta ad essere raccontata da un grande maestro come quello di cui parliamo.

L’indiscrezione è di quelle bomba: sarà incentrato sugli omicidi della ‘Famiglia’ di Charles Manson la nuova pellicola firmata da Quentin Tarantino, che racconterà la storia della setta guidata dal criminale statunitense e conosciuta in particolare per l’omicidio di Sharon Tate, la moglie di Roman Polanski, assassinata nel 1969.

A lanciare la notizia è l’Hollywood Reporter, spiegando che nel progetto, ancora nelle fasi iniziali, sono coinvolti i produttori Harvey e Bob Weinstein, abituali collaboratori del regista. Tarantino sta ultimando la sceneggiatura del film, che non ha ancora un titolo, sperando di trovare presto i finanziatori e distributori in modo da poter iniziare le riprese nell’estate del 2018.

La vicenda di Charles Manson ancora oggi è una ferita aperta negli Usa. Manson, che ha 82 anni, è in carcere dal 1969, quando abbiamo detto fu arrestato per il massacro di Bel Air avvenuto il 9 agosto dello stesso anno in cui vennero massacrate brutalmente sette persone tra cui Sharon Tate incinta di otto mesi.

Insofferente e ribelle alle regole fin dalla scuola, cominciò presto la sua attività criminale, compiendo furti d’auto e rapine nei negozi, reati minori che gli costarono qualche settimana in un istituto di correzione. Manson compì il suo primo reato federale a sedici anni, trasportando oltre confine un’auto rubata, e ciò comportò per lui la detenzione in una serie di riformatori.

Entrando e uscendo da vari istituti di pena per reati di varia natura, a Terminal Island imparò a fare il ‘protettore’ e quando tornò libero reclutò alcune ragazze per avviarle alla ‘strada’. Il 27 aprile 1960 Manson fu incriminato, anche per altri reati, e condannato a scontare dieci anni di reclusione nel penitenziario di McNeil Island, nello Stato di Washington.

A McNeil Island, Manson perfezionò la sua follia, si dedicò alla necromanzia, magia nera, esoterismo massonico, chirosemantica, scientologia, motivazione subliminale e ipnotismo.

Nel 1967 Manson si trasferì a San Francisco dove raccolse intorno a sé un gruppo di giovani, di cui molte donne, soggiogati dal suo carisma, dalla sua chitarra e dalle sue capacità oratorie. Tra le sue fedelissime troviamo Mary Brunner, Lynette “Squeaky” Fromme, Patricia Krenwinkel, Susan Atkins, inseguito anche Sandra Good e Leslie Van Houten.

La ‘Famiglia’ si allargò arrivando a contare circa cinquanta adepti. Molti erano ragazzi che avevano avuto una vita dura come Charles, con problemi familiari e spesso di disadattamento sociale: lui affermava di essere la reincarnazione di Gesù Cristo e di Satana insieme e i suoi adepti gli erano molto devoti. The Family praticava sesso di gruppo e faceva uso di stupefacenti, in particolare hashish e LSD. Dai furti passarono agli omicidi.

Dopo aver spinto Bobby Beausoleil a uccidere Gary Hynman, il 9 agosto 1969 Manson pianificò il crimine che lo fece passare alla storia: l’intrusione a Cielo Drive, un ricco quartiere di Los Angeles, con l’obiettivo di penetrare nella villa al momento abitata da Roman Polanski e Sharon Tate, attrice e moglie del regista, incinta di otto mesi.

Quella notte Manson rimase nel ranch dove risiedeva, e mandò  Charles “Tex” Watson, Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Linda Kasabian nella villa armati di coltelli, un revolver e una corda di nylon lunga 13 metri. L’attività criminosa della “Famiglia” continuò incontrastata per altri mesi, con diversi omicidi, fin quando l’avvocato Vincent Bugliosi, di origini italiane, riuscì, dopo molte indagini, a trovare le prove che incastravano Manson.

Il regista avrebbe anche già iniziato a incontrare svariati attori e attrici di chiara fama e sicuro richiamo e, stando alle prime informazioni, Brad Pitt (già protagonista di Bastardi Senza Gloria) e Jennifer Lawrence sarebbero fra gli osservati speciali.

Next Post

Morbillo, a Roma muore un’altra bimba: l’antiscienza di Grillo & C.

Al Bambin Gesù di Roma un’altra bimba muore per arresto cardiaco, forse a  causa del morbillo: conseguenze delle posizioni antiscientifiche alla Grillo & C.? La scandalosa posizione dei 5 Stelle contro i vaccini, e di Beppe Grillo in particolare, ha rafforzato in maniera incredibile la tendenza perniciosa a considerare i […]
Morbillo, a Roma muore un’altra bimba: l’antiscienza di Grillo & C.