Regala tatuaggio alla figlia di 7 anni: gravi le conseguenze

Eleonora Gitto

Padre irresponsabile regala tatuaggio al figlia di 7 anni: gravi le conseguenze.

Non è facile entrare nella psicologia delle persone per sapere cosa le spinge a farsi tatuare, a ricevere un marchio spesso indelebile sulla propria pelle, quasi una sorta di certificazione di esistenza. Forse debolezza, insicurezza, incertezza. Non sapremmo.

In fondo esistono mode molto meno invasive e molto più reversibili, come quelle dei vestiti e dell’acconciatura dei capelli.

Se uno decide di lasciarsi crescere i capelli fino alle spalle, ammesso che ci riesca, può decidere da un momento all’altro di tagliarseli, e il gioco è fatto.

Se uno decide di farsi un bel tatuaggio costoso sul petto o sulle natiche, nella maggior parte dei casi non può tornare indietro, e se lo fa questo comporta problemi non indifferenti.

E se uno decide poi di regalare un tatuaggio alla propria bambina di 7 anni, con tutta probabilità è un irresponsabile, un adulto cui piace giocare con la pelle degli altri, in questo caso di sua figlia.

Così Madison Gulliver è rimasta con cicatrici permanenti dopo che le era stato fatto un tatuaggio durante una vacanza in Egitto.

La bambina ha avvertito quasi da subito un prurito insopportabile. Dopo un po’, il prurito è diventato una vera e propria bruciatura. Le bruciature che in poco tempo si sono trasformate in ustioni.

E pensare che la famiglia era in vacanza. Quello che doveva essere un periodo di relax e di divertimento, a quanto pare si è trasformato in un vero incubo visto che anche la madre della bambina, Sylvia, aveva avuto un’infezione alla vescica che l’ha costretta in ospedale per due giorni.

Così, passata la brutta avventura e nell’intento di far dimenticare ai figli la situazione spiacevole del ricovero, il marito ha avuto la splendida idea di regalare ai propri figli un paio di tatuaggi, fatti chissà da chi e chissà come.

L’altro figlio non ha avuto conseguenze importanti. Madison invece, tornata a casa, ha dovuto sottoporsi a ben cinque visite presso l’ospedale St. Mary, e poi è stata visitata dagli specialisti in ustioni del Salisbury District Hospital.

I medici hanno constatato che i bruciori derivavano da una potente reazione chimica. La bimba dovrà portare ora per mesi delle garze con la speranza di ridurre al minimo le cicatrici che le sono state prodotte sul braccio.

Il genitore sembra abbia denunciato il fatto alle autorità: secondo lui la colpa è dell’Hotel di Hurghada, luogo in cui è stato fatto il tatuaggio. Secondo noi la colpa è principalmente del genitore.

Next Post

Junior Masterchef, morto l’ex concorrente Andrea Pace

La notizia in poche ore ha fatto il giro del web e, se in un primo momento era sembrata a tanti l’ennesima macabra bufala per attirare condivisioni e commenti, quando le grandi testate hanno iniziato a condividere la notizia purtroppo si è capito che non si trattava affatto di una […]