Roma, è stato sgombrato il presidio Baobab

Un atto legittimo, compiuto per riportare la legalità in zone per troppo tempo ritenute franche o un’azione vigliacca, che viola ogni principio morale: due visione contrapposte, inconciliabili, per descrivere quello che è successo nella giornata di ieri a Roma.

Come ampiamente annunciato nei giorni scorsi, le autorità hanno disposto lo sgombero della struttura di Baobab Experience a Roma, nei pressi della stazione Tiburtina. All’interno della tendopoli, già evacuata altre volte in passato, erano presenti circa 200 migranti.

Due bus della polizia hanno portato i migranti all’ufficio immigrazione, poiché per loro non è stata trovata nessuna soluzione alternativa, mentre le ruspe abbattevano le baracche presenti.

“Zone franche, senza stato e legalità, non sono più tollerate. L’avevamo promesso, lo stiamo facendo. E non è finita qui. Dalle parole ai fatti”, ha esultato Matteo Salvini sui social.

“Siamo stati sgomberati 22 volte in tre anni – fa sapere invece l’attivista Andrea Costa – ma Baobab Experience non finisce oggi”. Perché “ricominceremo da qualche altra parte – spiega – lo dobbiamo a queste persone. E assurdo che si continui a soffiare sul fuoco della paura, queste persone non sono criminali”.

Potrebbero interessarti

Roma, sgomberate baraccopoli sulle rive del Tevere

Roma. Ben due insediamenti abusivi sulle rive del Tevere, con tanto di…

Scappa contromano, marocchino ha 47 kg di hashish in auto

Una rocambolesca fuga terminata con una corsa suicida in autostrada, contromano: una…