Russia, il caso del neonato che sapeva parlare

Redazione

Nell’ospedale reparto maternità di Norilsk, in Russia, è nato un insolito ragazzo di nome Stepan Bazheev. Secondo le storie degli ostetrici presenti, il bambino ha detto la parola “padre” pochi minuti dopo la nascita e, dopo un po ‘, la parola “madre“.

Il percorso della gravidanza ha avuto luogo, per Liza Bazheeva, 17 anni, senza problemi. Il ragazzo è nato sano e forte. I medici non hanno nemmeno avuto il tempo di informare la giovane madre del sesso del bambino e dei suoi dati, che ha detto le prime parole.

E già a casa, quando la mamma stava giocando con il bambino e gli disse che il padre sarebbe arrivato presto, il neonato avrebbe ripostp: “Chi, papà?

La straordinaria storia ha interessato scienziati che in precedenza non avevano mai visto nulla di simile.

È noto che nell’utero, i bambini ascoltano già il discorso dei loro genitori. I genitori neonati, Liza e Rodion lo sapevano, quindi cercavano regolarmente erudire il bambino fin dalla pancia. Rodion leggeva fiabe, cantava canzoni con una chitarra e sua madre ascoltava musica classica.

Forse la chiave del fenomeno sta nell’amare i genitori. A proposito, Rodion è un atleta, un allenatore e la madre non è da meno.

Su Internet, alcune persone hanno attribuito il bambino ai cosiddetti bambini indaco. Altri hanno fatto notare che si tratta di una sorta di “incidente di percorso” e nel tempo la velocità di sviluppo tornerà alla normalità.

Next Post

Miracoli moderni: Ci credete o no?

La maggior parte dei misteri religiosi ha qualche legame, in un modo o nell’altro, con i miracoli. Sono fenomeni incomprensibili ispirati da Dio. Gli scettici sostengono che la condizione dell’essere umano è tale da voler “naturalmente” credere nei miracoli e il fenomeno ha una tale attrazione che persino atei e […]