Sale l’inflazione su base annua: + 1,5%, chi è contento e chi no

Eleonora Gitto

Sale l’inflazione su base annua: + 1,5%, chi è contento e chi no.

Ma insomma, non ce ne va bene una. E chi la vuole cotta, e chi la vuole cruda, e chi la vuole cotta a metà.

Draghi ci spiega pressoché quotidianamente che è bene che l’inflazione salga e anche in maniera importante, perché è l’indice più affidabile della ripresa, che le cose ricominciano a funzionare.

Vuol dire che l’economia gira, che la gente ricomincia ad acquistare, che qualcosa si muove.

C’è invece chi pensa che si tratta solo di fenomeni momentanei, legati a congiunture particolari, come all’aumento dei prezzi del petrolio e delle verdure, dopo le gelate dei mesi scorsi.

E comunque, aumentando i prezzi, stipendi e salari si svalutano.

Ciononostante i dati Istat ci dicono che a febbraio c’è stato un aumento dello 0,3% su gennaio e dell’1,5 % su febbraio 2016.

Al netto degli energetici e degli alimentari freschi, l’inflazione si porta dallo 0,5% allo 0,6%.

Il Codacons parla di un aumento di spese medio delle famiglie italiane di 450 euro su base annua.

La qual cosa, tutto sommato e considerando che veniamo da un periodo di deflazione o quasi, non è affatto male.

Next Post

HP lancia Pro X2 612 G2, l'ibrido pensato per la mobilità

HP lancia Pro X2 612 G2, l’ibrido pensato per la mobilità. Al Mobile World Congress 2017 moltissime le novità, e ovviamente non potevano mancare quelle di HP. Pro X2 612 G2 è un laptop con tastiera rimovibile, quindi anche un tablet. E’ pensato per chi sta sempre in viaggio, ma […]
HP lancia Pro X2 612 G2, l'ibrido pensato per la mobilità