Scienza spiega gli ultimi minuti prima della morte, è piacevole

Redazione

Il dottor Sam Parnia ha rivelato che morire è molto “piacevole” e che questo processo può essere definito “pacifico”.

Lo specialista ha anche detto che molte persone che hanno avuto esperienze di premorte hanno affermato di aver visto i loro parenti defunti. 

Allo stesso tempo, lo scienziato ha aggiunto che, prima di tutto, la morte non è una sensazione, ma un processo fisico completamente naturale

Il cervello di una persona morente smette di ricevere sangue saturo di ossigeno, il che porta alla disconnessione di circuiti importanti per il suo lavoro. Di conseguenza, una persona lascia questo mondo e la sua coscienza è completamente spenta.

Scienza spiega gli ultimi minuti prima della morte piacevole

Tutti i processi vitali nel corpo si interrompono dopo l’arresto cardiaco, che cessa di fornire sangue non solo agli organi, ma anche al cervello. La persona smette di muoversi completamente, il che indica l’inizio della morte.

Il dottor Parnia ha detto che c’è un certo processo mentale. Le persone che una volta hanno sperimentato l’avvicinarsi della morte possono in seguito ricominciare a lottare per ottenerla. 

Quando una persona muore, l’esperienza diventa piacevole per la maggior parte delle persone. Lo scienziato afferma che questo processo è confortevole e pacifico, così tante persone vogliono nuovamente provare quelle emozioni e sensazioni che hanno già sperimentato.

Le persone che hanno avuto esperienze di pre-morte hanno riferito di aver sentito una luce calda e brillante che le attraeva come una calamita. L’esperto ha aggiunto che le persone che gli specialisti sono riusciti a salvare hanno ripetutamente affermato di non voler tornare indietro.

Alcuni hanno anche descritto come si sono separati dai loro corpi e hanno osservato tutto dall’alto. Un’altra parte delle persone che sono sopravvissute all’esperienza di premorte ha affermato di aver rivisto tutto ciò che è accaduto loro nel corso della loro vita.

Next Post

Il sole potrebbe deviare la traiettoria dell'asteroide Apophis

Gli scienziati stanno attualmente esaminando le possibilità che l’asteroide Apophis, lungo 340 metri, colpisca la Terra. Quindi, secondo gli ultimi dati, sotto l’influenza del Sole, il corpo cambia la sua traiettoria di volo, quindi potrebbe avvicinarsi al nostro pianeta. L’avvicinamento più vicino a un asteroide potrebbe avvenire nel 2068, la probabilità […]
Il sole potrebbe deviare la traiettoria de asteroide Apophis