Scienza svela: Come ringiovanire il cervello

Redazione

I biologi molecolari hanno scoperto la relazione tra l’invecchiamento cerebrale e la funzione dei macrofagi, uno dei tipi chiave di cellule immunitarie nell’uomo e in altri mammiferi. Grazie a questo, gli scienziati hanno scoperto come migliorare la memoria e le capacità mentali. Per questo, è necessario modificare la natura dell’attività vitale dei macrofagi. Un articolo con i risultati del loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

Scienza svela Come ringiovanire il cervello

Gli esperimenti sui topi dimostrano che, perfezionando il sistema immunitario, è possibile letteralmente invertire l’invecchiamento del cervello. E gli esperimenti su colture di cellule umane suggeriscono che un simile ringiovanimento del sistema nervoso funzionerà nel corpo umano“, ha detto Katherine Andreasson, professoressa della Stanford University (USA) e uno degli autori dello studio.

Negli ultimi anni gli esperimenti sul ringiovanimento parziale o completo degli animali hanno generato molte polemiche sulla natura di tali operazioni. Di conseguenza, gli scienziati si sono interessati a quali componenti del sangue possono accelerare o rallentare l’invecchiamento. In un nuovo studio, Andreasson e i suoi colleghi potrebbero aver trovato la risposta a questa domanda.

Hanno monitorato come l’invecchiamento del corpo influenzi il funzionamento delle cellule immunitarie che si trovano all’interno del cervello o che periodicamente vi entrano dal sistema circolatorio. Per fare ciò, gli scienziati li hanno rimossi dal corpo degli anziani e dei giovani e hanno analizzato come differisce l’attività vitale delle colture di queste cellule.

Si è scoperto che l’invecchiamento ha notevolmente influenzato il comportamento dei macrofagi, cellule “più pulite” che sono responsabili del trattamento dei rifiuti proteici e della lotta contro i batteri che entrano dall’esterno. In genere, i macrofagi svolgono correttamente il loro lavoro nel cervello dei giovani. Tuttavia, man mano che invecchiano, il loro lavoro viene rapidamente interrotto. Di conseguenza, a causa dei macrofagi, inizia l’infiammazione cronica del tessuto nervoso, che influisce negativamente sul funzionamento dell’intero sistema nervoso.

Dopo aver esaminato queste violazioni, Andreasson ed i suoi colleghi hanno ipotizzato il motivo per cui si verificano. Secondo gli scienziati, il corpo delle persone anziane ha prodotto insolitamente molte molecole dell’ormone PGE2, che è responsabile dell’attivazione dell’infiammazione. A causa di questo ormone, i macrofagi stimolano l’infiammazione, la PGE2 viene prodotta ancora di più e l’infiammazione aumenta progressivamente.

Guidati da considerazioni simili, gli scienziati hanno monitorato cosa accadrebbe se i recettori situati sulla superficie dei macrofagi, responsabili della lettura delle molecole di PGE2, fossero bloccati. Per fare questo, i biologi hanno iniettato nel cervello di diversi topi anziani un farmaco sperimentale C52, che impedisce alle molecole di questo ormone di legarsi alla superficie dei macrofagi.

Di conseguenza, la memoria e le capacità mentali dei topi a cui è stato iniettato questo farmaco sono migliorate notevolmente circa un mese dopo l’inizio dell’esperimento. Tali roditori ricordavano altrettanto bene dov’era l’uscita dal labirinto e risolvevano altri problemi allo stesso modo dei loro giovani parenti. Cambiamenti simili si sono verificati nel modello di attività delle loro cellule nervose, così come nella loro composizione proteica.

Gli scienziati hanno ottenuto gli stessi risultati con un altro farmaco sperimentale, PF-04418948, che non riesce a penetrare la barriera emato-encefalica, che separa il cervello dal resto del corpo. Ciò suggerisce che i cambiamenti negativi nel lavoro dei macrofagi non si verificano nei tessuti del sistema nervoso, ma a livello di tutto il corpo. Le implicazioni di ciò devono ancora essere studiate dai biologi.

Andreasson e i suoi colleghi sperano che ulteriori esperimenti saranno in grado di dimostrare che un effetto simile può essere ottenuto in esperimenti su primati e grandi scimmie. Se questi esperimenti terminano con successo, sarà possibile procedere ai test sugli esseri umani.

Next Post

Covid-19: Decessi e vaccini non hanno nessuna prova di collegamento

Con l’inizio delle campagne di vaccinazione contro il Covid-19, in alcuni paesi sono stati segnalati casi di persone decedute dopo aver ricevuto un’iniezione poco prima. La scorsa settimana, la Norvegia ha segnalato 23, poi 33, anziani a cui è stato iniettato il vaccino Pfizer / BioNTech, su circa 20.000 residenti […]
Covid-19 Decessi e vaccini non hanno nessuna prova di collegamento