Scienziati scoprono un enorme buco nero vicino alla Terra
Scienziati scoprono un enorme buco nero vicino alla Terra

Un enorme buco nero, quattro volte più grande del Sole, è stato recentemente scoperto da un team di ricercatori.

Un enorme buco nero è stato classificato come il più vicino, mai trovato, alla Terra e si è nascosto agli scienziati per tutto questo tempo.

Il ‘buco HR 6819‘ è stato scoperto a soli 1.000 anni luce di distanza dal nostro pianeta.

Tuttavia, con dimensioni tre volte superiori a quelle del Sole, è abbastanza vicino alla Terra che nelle notti limpide può essere visto ad occhio nudo.

Non è necessario alcun telescopio o binocolo per vedere le stelle in una notte buia e chiara dall’emisfero sud.

È stato scoperto dagli astronomi dall’Osservatorio europeo meridionale (ESO) e da altri istituti ed è più vicino al nostro sistema solare di qualsiasi altro finora registrato.

L’enorme buco nero si è formato dal collassamento di una stella e fa parte di un “sistema triplo” con due stelle che lo accompagnano.

Il buco nero più vicino alla Terra, mai scoperto.

Il team ha trovato prove dell’oggetto invisibile rintracciando le sue due stelle compagne usando un telescopio da 2,2 metri all’Osservatorio ESO di La Silla in Cile.

Il co-autore della ricerca Petr Hadrava, scienziato emerito presso l’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga, ha dichiarato: “Siamo rimasti totalmente sorpresi quando ci siamo resi conto che questo è il primo sistema stellare con un buco nero che può essere visto ad occhio nudo“.

Il team ha inizialmente osservato il sistema, chiamato HR 6819, come parte di uno studio sui sistemi a stelle doppie.

Ma analizzando le loro osservazioni, sono rimasti sbalorditi nello scoprire un terzo corpo precedentemente non rilevato: un buco nero.

I risultati mostrano che una delle due stelle visibili orbita attorno a un oggetto invisibile ogni 40 giorni mentre la seconda stella mantiene una grande distanza.

Il buco nero nascosto in HR 6819 è uno dei primissimi buchi neri a massa stellare – che non interagisce violentemente con il suo ambiente e quindi appare davvero nero.

Ma il team potrebbe individuare la sua presenza e calcolare la sua massa studiando l’orbita della stella nella coppia interna.

Il dottor Thomas Rivinius, leader dello studio e scienziato dell’ESO, ha dichiarato: “Questo sistema contiene il buco nero più vicino alla Terra che conosciamo“.

Un oggetto invisibile con una massa almeno quattro volte quella del Sole non può che essere un buco nero.

Ora gli esperti ritengono che questo triplo sistema potrebbe portare a trovare molti più buchi neri simili in futuro.

Ad oggi gli astronomi hanno individuato solo una dozzina di buchi neri nella nostra galassia, quasi tutti i quali interagiscono fortemente con il loro ambiente e fanno conoscere la loro presenza rilasciando potenti raggi X.

Gli scienziati stimano che molte altre stelle siano collassate in buchi neri mentre finivano la loro vita nella Via Lattea.

Dicono che la scoperta di un buco nero silenzioso e invisibile in HR 6819 fornisce indizi su dove potrebbero essere.

Gli astronomi ritengono che la rivelazione potrebbe far luce su un secondo sistema chiamato LB-1 che potrebbe anche essere una tripla.

Il dottor Rivinus ha dichiarato: “Ci devono essere centinaia di milioni di buchi neri là fuori, ma ne conosciamo solo pochissimi. Sapere cosa cercare dovrebbe metterci in una posizione migliore per trovarli“.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Astronomy and Astrophysics.

Loading...
Potrebbero interessarti

O.J. Simpson profilo social inaugurato il giorno dell’anniversario dell’assassinio della moglie

L’ex sportivo e attore OJ Simpson si è unito a Twitter, proprio…

Nuovi rumors su Huawei P9 presentato il prossimo 6 aprile

Comincia il conto alla rovescia per la presentazione del nuovo smartphone Huawei,…