Scienziati: Un nuovo coronavirus è solo questione di tempo

Redazione

Il nuovo modello di studio da parte degli scienziati, suggerisce che molte più specie di mammiferi di quanto si pensasse potrebbero diventare ospiti dei nuovi coronavirus. Mentre la maggior parte dei coronavirus che gli esseri umani incontrano di solito causano solo infezioni lievi, i tre nuovi ceppi più recenti – SARS-CoV-1, MERS-CoV e SARS-CoV-2, causano COVID-19 – sono insolitamente virulenti e hanno un tasso di mortalità.

Hanno anche una storia di origine comune: si sono evoluti tutti in altre specie di mammiferi. La trasmissione interspecie è uno dei modi più comuni con cui gli scienziati apprendono di nuovi virus, ma è anche incredibilmente difficile da modellare e prevedere. La ricombinazione virale complica il processo: quando due virus diversi infettano la stessa cellula e si scambiano informazioni genetiche per creare virus completamente nuovi. Le varianti di un virus possono essere create da mutazioni nominali nel genoma di un singolo virus, con conseguenti piccoli cambiamenti nelle proprietà del virus.

Scienziati Un nuovo coronavirus solo questione di tempo

In uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, la biologa Maya Wardé e il virologo Marcus Blagrove dell’Università di Liverpool hanno sviluppato un modello di apprendimento automatico per prevedere quali mammiferi potrebbero ospitare nuovi virus ricombinanti.

I virus ricombinanti sono virus che richiedono due virus diversi per infettare la stessa cellula. Il virus risultante può essere molto diverso dai suoi antenati. I coronavirus sono una delle poche famiglie di virus che possono ricombinarsi.

Il modello sviluppato dai ricercatori ha previsto che, rispetto alle osservazioni precedenti, questa volta il numero di associazioni tra coronavirus e mammiferi fosse 11 volte maggiore. Inoltre, il numero di specie di mammiferi che sono probabili ospiti della ricombinazione del coronavirus è cresciuto di oltre 40 volte. Secondo gli autori del lavoro scientifico, ciò indica che il potenziale di generazione di coronavirus nei mammiferi può essere notevolmente sottovalutato.

Inutile dire che i risultati ottenuti dagli scienziati sono preoccupanti. Oggi la scienza conosce l’esistenza di 43 tipi di coronavirus, ma potrebbero essercene molti di più.

Dobbiamo imparare a prevedere l’origine dei nuovi coronavirus per focalizzare correttamente le risorse e scegliere la giusta strategia di azione, perché quando i nuovi coronavirus si diffonderanno agli esseri umani, sarà troppo tardi“, scrivono gli autori dello studio.

Il modello sviluppato nel corso dello studio tiene conto delle sequenze genomiche di coronavirus e mammiferi noti, nonché dei dati su dove i mammiferi vivono geograficamente, cosa mangiano e quanto sono strettamente correlati ad altri animali. In altre parole, gli scienziati sono riusciti a collegare i dati biologici esistenti all’algoritmo, cioè ad insegnare al computer a riconoscere i virus e le specie ospiti, che molto probabilmente sono la fonte della ricombinazione.

Siamo stati in grado di prevedere quali specie di mammiferi potrebbero potenzialmente infettare altri animali con i coronavirus“, ha spiegato Maia Varde in un’intervista alla BBC . “O perché sono molto legati al portatore del coronavirus , o perché condividono lo stesso spazio geografico“, ha detto.

Il grande ostacolo per l’algoritmo, tuttavia, è la mancanza di una conoscenza aggiornata di come determinati virus infettano determinati host. “Abbiamo dati molto limitati e distorti da cui apprendere un algoritmo di apprendimento automatico“, ha affermato Nicole Wheeler, data scientist presso il Genome Pathogen Surveillance Center degli Stati Uniti. “I meccanismi che determinano se un virus può infettare un host e se diversi virus possono mescolarsi sono estremamente complessi e dipendono da fattori su cui non abbiamo molti dati“.

Tuttavia, il nuovo studio rappresenta un’applicazione potenzialmente trasformativa dell’apprendimento automatico per la sorveglianza delle malattie e può aiutare a far luce su altri ospiti del coronavirus dei mammiferi che dovremmo tutti guardare. Studi recenti hanno già confermato molte delle previsioni del modello: l’alpaca, la capra domestica e il cane procione sono risultati suscettibili alla SARS-CoV-2. Quindi è sbagliato incolpare pipistrelli o pangolini per l’attuale pandemia. In particolare, il modello identifica 102 potenziali ospiti per l’allarmante ricombinazione di SARS-CoV-2 con MERS-CoV, che è molto più letale di COVID-19 .

Secondo virologi che non sono stati coinvolti nello studio, il nuovo lavoro sottolinea l’importanza del rilevamento tempestivo di nuovi coronavirus e indica anche che il numero di potenziali ospiti di mammiferi non dovrebbe essere sottovalutato. Gli animali, compreso l’uomo, coesistono con un gran numero di virus.

fonte@Ordonews

Next Post

SpaceX: Si prenotano i posti per i primi voli spaziali

SpaceX ha annunciato la missione Inspiration4 , che consentirà a quattro civili di “andare in giro” per lo spazio entro la fine dell’anno, a bordo della nave da trasporto Dragon, alimentata da un razzo Falcon 9. Caratteristica speciale di questo volo: ospiterà solo civili , che beneficeranno comunque di un […]
SpaceX-Si-prenotano-i-posti-per-i-primi-voli-spaziali