Se fai le faccende domestiche non soffrirai di demenza

Redazione

Secondo alcuni studi scientifici, è sufficiente svolgere un’attività fisica, come quelle casalinghe, per aiutare la salute del nostro cervello.

Se fai le faccende domestiche non soffrirai di demenza
foto@depositphotos.com

Tre importanti studi pubblicati lo scorso mese hanno consolidato l’idea che un’attività fisica regolare e permanente riduce significativamente il rischio di demenza, anche per coloro che fanno parte di gruppi denominati “ad alto rischio“.

Non importa cosa facciamo. È importante fare qualcosa, regolarmente. Anche se sono faccende domestiche.

I ricercatori hanno convenuto che l’attività fisica regolare, sotto varie forme come quella delle attività casalinghe, può svolgere un ruolo importante nel ridurre il rischio di sviluppare la demenza. 

È stato stimato che la demenza colpisce oggi 55.000.000 di persone. Nel 2050 saranno 165.000.000.

Il primo studio è stato pubblicato il 7/27 sulla rivista scientifica Neurology. Gli autori hanno analizzato le informazioni sulla salute di 501.376 partecipanti a cui non era stata diagnosticata la demenza.

Durante i loro 11 anni di follow-up, 5.185 soggetti hanno sviluppato demenza.

All’inizio dello studio, i partecipanti hanno compilato questionari dettagliati sulla loro partecipazione ad attività fisiche (sportive, se preferiscono le scale all’ascensore, se camminano e quanto, se vanno al lavoro in bicicletta, ecc.).

È stato anche chiesto loro di vari fattori dello stile di vita (ad es. la frequenza con cui completavano le faccende domestiche). Cioè, i ricercatori si sono impegnati nelle attività esatte dei partecipanti, che hanno svolto regolarmente.

Lo studio ha trovato che ai partecipanti che hanno svolto un’attività regolare e vigorosa (vedi sport o esercizio), il loro rischio di sviluppare demenza è stato ridotto del 35%

le persone che hanno riferito di completare regolarmente le loro faccende domestiche avevano un rischio inferiore del 21%.

“Alcune persone sudano molto quando fanno i lavori domestici. “Tre ore di lavoro domestico possono equivalere a 30 minuti di esercizio aerobico”.

La scoperta più incoraggiante è arrivata nell’associazione tra attività fisica e un ridotto rischio di demenza, che si estendeva ai partecipanti che avevano una storia familiare di demenza.

Un altro studio è stato pubblicato l’8/10/2022 I ricercatori hanno riunito 38 studi che hanno seguito più di 2.000.000 di partecipanti senza demenza per almeno tre anni, durante i quali 74.700 hanno sviluppato demenza.

L’obiettivo della meta-analisi era determinare quali attività ricreative sono associate a un rischio ridotto di demenza.

Dopo aver controllato per età, istruzione e sesso, gli scienziati hanno scoperto che i partecipanti che si esercitavano regolarmente (definiti come impegnati in attività come camminare, correre, nuotare, ballare, praticare sport o allenarsi in palestra) avevano un 17% in meno rischio di sviluppare demenza rispetto a coloro che non si esercitavano regolarmente.

Gli autori hanno sottolineato che la prevenzione della demenza non si limita ad un’attività o a un tipo di attività.

Next Post

In Inghilterra i cerchi nel grano cambiano da un giorno all'altro

In Inghilterra sono stati segnalati episodi legati ai famigerati cerchi nel grano che cambiano forma da un giorno all’altro. Sono stati segnalati episodi di cerchi nel grano il 17 luglio presso Barbary Castle, North Roughton, Wiltshire, in Inghilterra. Si è poi scoperto che questi in realtà non erano due disegni […]
In Inghilterra i cerchi nel grano cambiano da un giorno a altro